Differenze tra le versioni di "Campania"

1 694 byte rimossi ,  1 mese fa
→‎Settore secondario: -info (localismo, ricerca originale, senza fonti)
m (Annullata la modifica 121630514 di 93.67.212.18 (discussione))
Etichetta: Annulla
(→‎Settore secondario: -info (localismo, ricerca originale, senza fonti))
[[File:Cantieri navali Castellammare di Stabia 1.jpg|thumb|left|I cantieri navali di Castellammare di Stabia]]
La Campania già in epoca pre-romana era considerata regione ricca ed illustre per la felice posizione geografica, la fertilità dei terreni e la bontà delle sue manifatture (la cosiddetta [[Campania felix]]), e già dai primi decenni dell'Ottocento l'economia campana cominciò a trasformarsi in senso moderno. All'epoca erano infatti presenti in regione veri e propri poli industriali, come il polo tessile delle Valli dell'[[Irno]] e del [[Sarno]] nel salernitano, gli stabilimenti meccanici di [[Officine di Pietrarsa|Pietrarsa]] e di Napoli, gli arsenali di [[Torre Annunziata]] e di [[Pagani]], i cantieri navali di [[Castellammare di Stabia]], le cartiere della Valle dei Mulini (Amalfi), ecc. (sorvolando sul gran numero di attività economiche importanti presenti nella sola città di Napoli).
 
In Campania, come in altre regioni d'Italia, a cavallo della fine del XIX e inizi del XX secolo ebbe impulso la meccanizzazione dell'attività molitoria. Si trovano citati i seguenti 35 molini nel catalogo del [[1908]] della [[Società Anonima Meccanica Lombarda]] di [[Monza]].
 
* [[San Giovanni a Teduccio]] Olivieri Giovanni & C.
* [[San Giovanni a Teduccio]] Chioppetti Bernardo
* [[San Giovanni a Teduccio]] Chioppetti Jeandeau.
* [[San Giovanni a Teduccio]] Improya Giovanni & Figli
* [[San Giovanni a Teduccio]] Strani S. & C.
* [[San Giovanni a Teduccio]] Petriccioni Domenico & F.
* [[San Giovanni a Teduccio]] Carotenuto Cirio
* [[San Giovanni a Teduccio]] Assisi Francesco
* [[San Giovanni a Teduccio]] Soc. Molini & Pastifico Pantanella
* [[Nocera dei Pagani]] Angelo Gambardella & Figli
* [[Casoria]] De Luca fratelli
* [[Casoria]] Amato fratelli
* [[Secondigliano]] Barbato fratelli
* [[Nola]] Mercogliano Antonio
* [[Santa Maria a Vico]] Savinelli E. & C.
* [[Formia]] Petriccione Nicola
* [[Pozzuoli]] Petriccione Nicola
* [[Torre Annunziata]] Orsini & Rocco Lacapria
* [[Torre Annunziata]] Manzo Jennaro
* [[Torre Annunziata]] Foglia Manzillo Vincenzo
* [[Torre Annunziata]] Cirilo Francesco fu Angelo
* [[Torre Annunziata]] Dati Antonio
* [[Gragnano]] Garofalo Alfonso
* [[Gragnano]] Di Nola Alfonso
* [[Gragnano]] Garofalo fratelli
* [[Gragnano]] Dello Joio & Comp.
* [[Nocera Superiore]] Angrisani Achille
* [[Nocera Inferiore]] Gabola Isaia
* [[Scafati]] Passeggio E.
* [[Cava dei Tirreni]] Sprecher Ing. Andrea
* [[Salerno]] D'Amato Rinaldo
* [[Salerno]] Scaramella Domenico
* [[Larino]] Colagiovanni Ernesto
* [[Caserta]] Barducci & Figli
* [[Caserta]] Barducci Pilade
 
Colpita duramente dal processo di unificazione italiana del 1860, l'economia campana era tra le più importanti d'Italia nella prima metà del Novecento. La Campania perse gradualmente questo ruolo di regione economicamente egemone del Sud nella seconda metà del Novecento, quando anche il divario con le principali regioni settentrionali cominciò ad allargarsi sensibilmente.<ref name="Divario nord-sud">{{Cita web |url=http://www.paolomalanima.it/default_file/Articles/Daniele_%20Malanima.pdf |titolo=Daniele - Malanima |accesso=12 maggio 2010 |dataarchivio=14 dicembre 2010 |urlarchivio=https://web.archive.org/web/20101214120941/http://www.paolomalanima.it/default_file/Articles/Daniele_%20Malanima.pdf |urlmorto=sì }}</ref>