Differenze tra le versioni di "Enzo Tortora"

→‎L'assoluzione e il ritorno in TV: L'inciso non corrisponde alla pausa che Enzo fece in quel discorso. Segnalo anche l'unico errore da lui commesso
Etichette: Modifica da mobile Modifica da web per mobile
(→‎L'assoluzione e il ritorno in TV: L'inciso non corrisponde alla pausa che Enzo fece in quel discorso. Segnalo anche l'unico errore da lui commesso)
Tortora tornò in televisione il 20 febbraio del 1987, ricominciando il suo ''Portobello''. Il ritorno in video fu toccante, il pubblico in studio lo accolse con una lunga ''[[standing ovation]]''. Tortora con evidente commozione pronunciò un breve discorso di cui fu noto il suo incipit:
[[File:Modugno_Tortora_Pannella.jpg|thumb|[[Domenico Modugno]], Enzo Tortora e [[Marco Pannella]] a una manifestazione del Partito Radicale per il referendum sulla responsabilità civile dei magistrati (1988)]]
{{Citazione|Dunque, dove eravamo rimasti? Potrei dire moltissime cose e ne dirò poche. Una me la consentirete: molta gente ha vissuto con me, ha sofferto con me questi terribili anni. Molta gente mi ha offerto quello che poteva, per esempio ha pregato per me, e io questo non lo dimenticherò mai. E questo "grazie" a questa cara, buona gente, dovete consentirmi di dirlo<ref>Nella diretta il conduttore pronunciò erroneamente "dirmelo".</ref>. L'ho detto, e un'altra cosa aggiungo: io sono qui, e lo so, anche, per parlare per conto di quelli che parlare non possono, e sono molti, e sono troppi. Sarò qui, resterò qui, anche per loro. Ed ora cominciamo, come facevamo esattamente una volta.<ref>{{cita web|url=https://www.youtube.com/watch?v=E2lbKaYdUcA|titolo=Il filmato del ritorno in tv di Enzo Tortora, il 20 febbraio 1987|accesso=5 luglio 2009}}</ref>}}
 
Tortora fu assolto definitivamente dalla [[Corte di cassazione]] il 13 giugno 1987, a quattro anni dal suo arresto.