Differenze tra le versioni di "Rinaldo III di Gheldria"

m
eliminata ripetizione
m (evasione)
Etichetta: Rollback
m (eliminata ripetizione)
 
Dal [[1350]], sua madre, Eleonora, sostenne le rivendicazioni di suo fratello [[Edoardo di Gheldria|Edoardo]], che creò una accesa rivalità tra i due fratelli; Eleonora e Rinaldo ebbero poi una disputa circa il dissenso sorto fra i due fratelli, e Rinaldo III, respinti i tentativi di riconciliazione di sua madre, le confiscò tutte le sue proprietà, quindi Eleonore si trasferì nel [[Monache cistercensi|monastero cistercense]] di [[Deventer]] e il 22 aprile [[1355]] Eleonora morì in povertà all'abbazia [[Cistercense]] di [[Deventer]], e secondo il ''Kronijk van Arent toe Bocop'', fu sepolta, accanto al marito, nell'abbazia di Graefenthal<ref name=ARE/>, [[Goch]], [[Circondario di Kleve]].
 
Dopo la morte della madre, secondo il ''Rerum Belgicarum Annales Chronici Et Historici'' si formarono due fazioni, una detta Hekers, che sosteneva Rinaldo, mentre la seconda, detta Bronchoerit, sosteneva Edoardo<ref name=Belgicaru>{{la}} [http://digital.onb.ac.at/OnbViewer/viewer.faces?doc=ABO_%2BZ169785307#ES Rerum Belgicarum Annales Chronici Et Historici, De captivitate Reynaldi, pag. 289]</ref>, ch si fronteggiarono, sino che, nel [[1361]], Rinaldo assediò Edoardo a [[Tiel]], dove avvenne lo scontro finale, che vide la vittoria di Edoardo ed i suoi seguaci che catturarono Rinaldo<ref name=Belgicaru/>; Edoardo fu riconosciuto duca di Gheldria, mentre Rinaldo fu fu imprigionato<ref name=Belgicaru/>, nel Castello di Nijenbeek, nei pressi di [[Voorst]].<br>Sempre secondo il ''Rerum Belgicarum Annales Chronici Et Historici'' Rinaldo era molto grasso (''pinguis et carnosus fuit'')<ref name=Belgicarum/>, e, a proposito si narra che nel [[dongione]] in cui fu rinchiuso non dovevano chiudere la porta in quanto, per le sue dimensioni, Rinaldo non riusciva a passare attraverso il varco.
 
Suo fratello Edoardo morì il 24 agosto [[1371]], combattendo a fianco del cognato, il duca [[Guglielmo II di Jülich]], contro [[Venceslao I di Lussemburgo]]<ref name=Belgicar>{{la}} [http://digital.onb.ac.at/OnbViewer/viewer.faces?doc=ABO_%2BZ169785307#ES Rerum Belgicarum Annales Chronici Et Historici, De captivitate Reynaldi, pag. 295]</ref>, che aveva attaccato il ducato di [[Jülich]], ma fu sonoramente sconfitto a [[Baesweiler]], dove perse parte del suo esercito e parecchi nobili persero la vita e Venceslao stesso fu fatto prigioniero<ref>{{fr}} [https://books.google.it/books?id=k52yusrcmNwC&pg=RA1-PA144&lpg=RA1-PA144&dq=Extraict+des+registres+de+la+ville+de+Malines&source=bl&ots=lQMuJHwsW5&sig=SvNEQB_Gei2KnCQboQEsKDR2lVM&hl=it&sa=X&ved=0ahUKEwj2xLLIoMjWAhUClxQKHVcCA4sQ6AEILzAB#v=onepage&q=Extraict%20des%20registres%20de%20la%20ville%20de%20Malines&f=false #ES Trophees tant sacres que profanes de la duché de Brabant ..., Volume 1, pag. 489]</ref>. Allora Rinaldo fu liberato e fu riconosciuto nuovamente duca di Gheldria<ref name=Belgicar/>.
40 611

contributi