Ubayd Allah al-Mahdi: differenze tra le versioni

m
Bot: wikilink alla grafia corretta di Dār al-Islām e modifiche minori
m (Bot: wikilink alla grafia corretta di Dār al-Islām e modifiche minori)
Il 6 gennaio [[910]], ʿUbayd Allāh al-Mahdī arriva trionfalmente a Raqqāda, indossando una veste nera mentre il figlio porta un indumento identico ma di [[seta]] arancione. Tutti i notabili locali gli prestarono il giuramento di fedeltà ( ''bayʿa'' ). La [[Shari'a|Legge islamica]] è confermata in tutte le sue fattispecie, smentendo la propaganda ostile che accusava l'[[Ismailismo]] di aberranti deviazioni dottrinarie e giuridiche.
 
Il 15 gennaio [[910]], assume il titolo di [[califfo]] - in realtà egli usa il perfetto sinonimo, usato anche in ambiente sunnita, di [[Imam]] (Guida) - e di "Comandante dei credenti", malgrado l'esistenza ampiamente riconosciuta del califfo [[Abbasidi|abbaside]]. Fu la prima volta che due califfati vennero a coesistere nella ''[[Dar al-Islam|Dār al-Islām]]''. Un quindicennio più tardi ne nascerà un terzo: quello [[Omayyadi|omayyade]] di [[al-Andalus]], con [[Abd al-Rahman III|ʿAbd al-Rahmān III]], costringendo i ''[[faqih|faqīh]]'' (giurisperiti) [[musulmani]] a complessi funambolismi teorici per giustificare la legittima presenza di più di un Califfato (che teoricamente ha senso solo se universale, quindi unico).
 
Nel 911, Abū ʿAbd Allāh, spinto da suo fratello, sembra abbia ordito i primi fili di un complotto contro l'Imam che aveva tanto potentemente contribuito a creare. ʿUbayd Allāh fece mettere a morte un certo numero di esponenti Kutāma che s'erano ribellati e fece giustiziare Abū ʿAbd Allāh e suo fratello nel 911<ref>31 luglio 911, secondo Charles-André Julien (''op. cit.'', p. 394), o Il 18 febbraio successivo o nel luglio di quell'anno secondo altre fonti.</ref>
== Bibliografia ==
* [[Charles-André Julien]], ''Histoire de l'Afrique du Nord, des origines à 1830'', edizione originale 1931, ristampa Parigi, Payot, 1994. ISBN|978-2-228-88789-2.
* {{ar}} [http://www.hukam.net/family.php?fam=95 Arabo <span style="font-size: 120%;">الفاطميون</span>, ''al-Fāṭimiyyūn'': ''I Fatimidi'']
* Storia ismailita, {{en}} [http://www.ismaili.net/histoire/history05/history501.html ''Muhammad al-Mahdi (268-322/881-934)'']
 
3 379 460

contributi