Legame ionico: differenze tra le versioni

m
nessun oggetto della modifica
m (Annullate le modifiche di 87.0.176.22 (discussione), riportata alla versione precedente di Rupeliano)
Etichetta: Rollback
mNessun oggetto della modifica
 
== Definizione e caratteristiche ==
Alcuni autori riportano valori di differenza di elettronegatività <math>(Δχ\Delta \chi)</math> per i quali due elementi danno luogo ad un legame ionico, questi valori vanno da 1,7<ref>{{cita libro|cognome=Costanzo |nome=Alberto||titolo=Esercitazioni di chimica. Compendio teorico ed esercizi di chimica per ingegneria|ed=2|anno=2010|editore=Esculapio|isbn=978-88-7488-377-6|pagine=p.16}}</ref><ref>{{cita libro|autore=Stefano Masiero|titolo=Esercizi di Chimica 1|anno=2002|editore=Alpha Test|isbn=88-483-0281-5|pagine=p.43}}</ref> (corrisponde a una percentuale di ionicità maggiore al 60%) a 2,0.<ref>{{cita libro | Brian B. | Laird | Chimica generale | | McGraw-Hill |}}</ref> Tuttavia il discernimento tra legame ionico e covalente per alcuni composti non è netto, si hanno quindi legami covalenti con marcato carattere ionico (ad elevata [[polarità]]). Si definisce quindi la percentuale di carattere ionico di un legame chimico che può essere dedotta a partire dai valori di elettronegatività degli elementi che partecipano al legame, attraverso la seguente relazione:<ref>{{cita web|formato=PDF|titolo=Legame chimico|editore=[[Università degli Studi dell'Insubria]]|accesso=7 febbraio 2015|url=http://scienze-como.uninsubria.it/masciocchi/pdf/chimxfis_03.pdf}}</ref><ref>{{Cita|Callister|p. 28}}.</ref>
 
:<math>\%\, ionicità\mathrm{ionicit \grave{a}} = <math>\left[ 1 - e^{\left[ -0,25(\chi_A-\chi_B)^2 \right]} \right]\cdot 100</math>
 
Nel legame ionico l'attrazione esercitata dal nucleo dell'atomo più elettronegativo sull'altro atomo, meno elettronegativo, è così forte che la nuvola di carica elettronica può considerarsi come spostata completamente sull'elemento più elettronegativo.
=== Numero di coordinazione ===
In un legame ionico, il numero di ioni è detto '’[[Numero di coordinazione (chimica)|numero di coordinazione]]’'.
Se si considerano gli ioni come delle sfere rigide, il calcolo dei numeri di coordinazione più probabili è possibile grazie al rapporto tra i raggi r<supmath>\frac{r^+</sup>/}{r<sup>^-}</supmath>.
 
Nello schema che segue vi sono i tipi più comuni di coordinazione con la simmetria spaziale formata dalle particelle, in funzione al suddetto rapporto raggio-catione/raggio-anione.
Si osservi che tale rapporto è sempre minore di <math>1</math>, essendo il catione di un atomo sempre minore dell'anione corrispondente.
 
Si deve tenere presente anche che la geometria trigonale è solo planare (cioè i 3 anioni e il catione centrale sono complanari).
Quando si indica un composto ionico con una [[formula chimica|formula]], quindi, non si vuol con essa descrivere una struttura molecolare autonoma ma soltanto il rapporto numerico esistente nel cristallo fra ioni positivi e ioni negativi. In pratica parlare di formula molecolare è abusato, mentre resta valido parlare di [[formula minima]]. Allo stesso modo sarebbe più corretto riferirsi al [[peso formula]] piuttosto che al [[peso molecolare]].
 
Nel nostro caso, [[cloruro di sodio]], la formula NaCl indica che il rapporto tra le [[mole|moli]] di Na<supchem>Na+</supchem> e Cl<supmath>\mathrm{Cl^-}</supmath> è <math>1:1</math>.
Altro esempio: il [[cloruro di magnesio]], MgCl<subchem>2MgCl2</subchem> indica che nel reticolato ionico gli ioni di Mg<supchem>Mg^2+</supchem> e Cl<supmath>\mathrm{Cl^-}</supmath> sono presenti nel rapporto di <math>1:2</math>.
 
== Note ==
* {{cita libro | cognome= Rolla | nome= Luigi | titolo= Chimica e mineralogia. Per le Scuole superiori | editore= Dante Alighieri |ed= 29 | anno= 1987 |cid= Rolla }}
* {{cita libro | cognome= Callister | nome= William D. | titolo= Material Science and Engineering: An Introduction | editore= John Wiley & Sons Inc |ed= 5 | anno= 1999 |lingua= inglese |isbn= 0-471-35243-8 |cid= Callister |url= http://books.google.it/books?id=hFoEAAAACAAJ&source=gbs_navlinks_s}}
* [[Ivano{{cita libro|nome1=Ivano|cognome1=Bertini|I.wkautore1=Ivano Bertini]], F. |nome2=Fabrizio|cognome2=Mani, ''|titolo=Chimica inorganica'', |editore=CEDAM. |città=Padova|ISBN =88-13-16199-9}}
 
== Voci correlate ==