Differenze tra le versioni di "Motoleggera"

 
==Motoleggera in Italia==
{{senza fonte|In [[Italia]] il termine termine motoleggera, ormai in disuso anche come termine informale, veniva utilizzato per indicare i [[motocicletta|motocicli]] con propulsore di [[cilindrata]] limitata (in origine 175, poi (dal 1933) 125;[[centimetri cubi|cm³]], che per prestazioni erano assimilati alle bicilettebiciclette a motore e quindi esentati dalla patente e, fino al 1950, dalla targatura
La motoleggera si distingueva visivamente dal più popolare [[bicimotore]] per l'assenza dei pedali (in realtà obbligatori fino al 1929) e, sotto l'aspetto tecnico, perché concepita come motociclo e non come trasformazione di telaio ciclistico.
 
A partire dagli [[anni 1970|anni settanta]], in [[Italia]], il limite di cilindrata generalmente usato per identificare colloquialmente una motoleggera aumentò ai 150 cm³ necessari per avere accesso alle [[Autostrada|autostrade]].
 
Alcune tra le motoleggere più diffuse in Italia o all'estero:
Utente anonimo