Differenze tra le versioni di "Pietro Gasparri"

L'11 febbraio [[1929]] sottoscrisse con [[Benito Mussolini]] i [[Patti Lateranensi]], i quali misero fine al [[questione romana|lungo contenzioso]] tra Santa Sede e Stato italiano scaturito nel [[1870]] con la [[Presa di Roma|Presa di Porta Pia]] e la fine del potere temporale dei Papi. Un anno dopo lasciò la Segreteria di Stato. Nel [[1930]] pubblicò a suo nome il ''Cathechismus Catholicus''. Nel [[1933]] venne nominato [[Accademia d'Italia|Accademico d'Italia]] per le scienze giuridiche.
 
Morì a Roma il 18 novembre [[1934]]. Fu sepolto nel cimitero del proprio paese natale, Ussita, dopo una cerimonia funebre celebrata dal nipote, anch'egli cardinale, [[Enrico Gasparri]]. A Roma gli è dedicata una strada nel quartiere [[Primavalle]].
 
== Genealogia episcopale e successione apostolica ==
Utente anonimo