Emma di Gurk: differenze tra le versioni

m
Italianizzazione
m (Annullate le modifiche di 2001:B07:A56:8F7F:5D49:483B:88B5:8230 (discussione), riportata alla versione precedente di Gi87)
Etichetta: Rollback
m (Italianizzazione)
Emma (in tedesco ''Hemma'') era nata contessa di Zeltschach da una nobile famiglia chiamata Peilenstein nell'attuale [[Kozje|Pilštanj]], in [[Slovenia]], legata all'imperatore [[Enrico II il Santo|Enrico II]] per aver seguito alla corte imperiale di [[Bamberga]] l'imperatrice [[Cunegonda di Lussemburgo|Cunegonda]].
 
Sposata con il conte WilhelmGuglielmo di Friesach e del Sanngau, da cui ebbe due figli: HartwigArduico e WilhelmGuglielmo, successivamente assassinati insieme al padre da [[Adalberone di Eppenstein]], [[Ducato di Carinzia|duca di Carinzia]] e [[Marca di Verona|margravio di Verona]]. Emma divenne ricca attraverso l'eredità dopo la morte del marito e dei figli.
 
La contessa Emma usò la sua grande ricchezza a vantaggio dei poveri e veniva già venerata come santa durante la sua vita. Fondò inoltre dieci chiese in [[Carinzia]], tra le quali il doppio monastero benedettino di [[Gurk]] nel 1043, dove si ritirò negli ultimi anni della sua vita.
 
Dopo la sua morte, l'Abbaziaabbazia di Gurk fu sciolta dall'[[arcivescovo di Salisburgo]], [[GebhardGebeardo di Salisburgo|GebhardGebeardo]], che invece ne utilizzò i fondi per istituire le [[diocesi di Gurk]] nel [[1072]]. L'[[Abbaziaabbazia di Admont]], un'altra fondazione benedettina in Austria, è stata fondata nel [[1074]] dallo stesso GebhardGebeardo, e deve la sua esistenza alla ricchezza di Emma.
 
== Culto ==
Dal [[1174]] Emma è stata sepolta nella cripta della [[cattedrale di Gurk]], di cui lei è stata la fondatrice. È stata beatificata il 21 novembre 1287 e canonizzata il 5 gennaio 1938 da [[Pio XI]]. La sua festa è il 27 giugno.
 
Emma è la santa patrona della [[Diocesidiocesi di Gurk]], nonché della [[Carinzia]], e la sua intercessione è richiesta per il parto e le malattie degli occhi.
 
Santa Emma è venerata non solo in Austria, ma anche in [[Slovenia]] e [[Stiria]]. Da circa 300 anni fa, i fedeli che cercano assistenza sono venuti alla sua tomba nella cattedrale di Gurk (''Krška Katedrala''), viaggiando da [[Carnia]] attraverso il [[passo di Loibl]]. Questo pellegrinaggio si svolge ogni anno la quarta Domenicadomenica dopo [[Pasqua]], ma cadde in disuso a causa delle circostanze politiche del XX secolo.
Negli ultimi anni, tuttavia, le vie di pellegrinaggio da Slovenia e Stiria a Gurk (Krka) sono gradualmente riaperte e stanno diventando sempre più utilizzate.