Differenze tra le versioni di "Stat rosa pristina nomine, nomina nuda tenemus"

m
nessun oggetto della modifica
(ho inserito un cappello introduttivo, perché la soluzione proposta é troppo dettagliata e tecnica e alla fine si ha l'impressione di non aver capito niente delle senso delle parole.)
Etichette: Modifica da mobile Modifica da web per mobile
m
Etichetta: Editor wikitesto 2017
Verso prarafrasstoparafrasato da [[Umberto Eco]] nel romanzo ''il nome della rosa'', tratto dal ''De contemptu mundi'' di Bernardo di Cluny, poema del XII secsecolo nel quale il lettore é invitato ad abbandonare l'eccessivo amore per le cose terrene e a scegliere un ideale di vita ascetico, perché ogni cosa terrena è destinata ad essere consumata dall'azione erosiva del tempo e della quale non resta che il nome, un nome vuoto: Stat Roma pristina nomine, nomina nuda tenemus ("La Roma, che era, ora esiste solo nel nome, noi possediamo soltanto nomi vuoti").
 
Verso prarafrassto da Eco nel romanzo il nome della rosa, tratto dal De contemptu mundi di Bernardo di Cluny, poema del XII sec nel quale il lettore é invitato ad abbandonare l'eccessivo amore per le cose terrene e a scegliere un ideale di vita ascetico, perché ogni cosa terrena è destinata ad essere consumata dall'azione erosiva del tempo e della quale non resta che il nome, un nome vuoto: Stat Roma pristina nomine, nomina nuda tenemus ("La Roma, che era, ora esiste solo nel nome, noi possediamo soltanto nomi vuoti").
 
La [[locuzioni latine|locuzione latina]] '''''Stat rosa pristina nomine, nomina nuda tenemus''''' ("la rosa primigenia esiste solo nel nome, possediamo soltanto nudi nomi") è una variazione dal verso I, 952 del poema in esametri ''[[Bernardo di Cluny|De contemptu mundi]]'' di [[Bernardo di Cluny]], da non confondere con [[De miseria humanae conditionis|l'omonima opera]] in prosa del cardinal [[Innocenzo III|Lotario di Segni]], futuro papa Innocenzo III. Essa deve la sua fortuna a [[Umberto Eco]] che ne ha fatto l'ultima frase del suo romanzo ''[[Il nome della rosa (romanzo)|Il nome della rosa]]''.