Differenze tra le versioni di "Michael Goulder"

m (campo non necessario e in errore)
Etichetta: Editor wikitesto 2017
 
 
Diversamente dalla maggioranza degli altri studiosi, Goulder non si specializzò nel campo del Vecchio o del Nuovo Testamento, occupandosi invece di entrambi. <br />
Nel corso di vent'anni di attività accademica, ha pubblicato numerose opere relative all'Antico Testamento, in particolare ai Salmi. Le sue opere in quest'area miravano a scoprire il contesto storico dei singoli salmi e del loro impiego nel culto, comparandolo con le tradizioni sottostanti al [[Pentateuco]] e altri libri della Bibbia ebraica.<ref>{{Cita pubblicazione|autore=William M. Schniedewind |data=15 aprile 1998 |titolo=Review of ''The Psalms of Asaph and the Pentateuch'' |rivista=Review of Biblical Literature |url=http://www.bookreviews.org/pdf/2440_1663.pdf |formato=PDF |accesso=25 luglio 2007 }}</ref><ref name=ballard>{{Cita pubblicazione|autore=H. Wayne Ballard, Jr. |data=2 luglio 2001 |titolo=Review of ''The Psalms of the Return'' |rivista=Review of Biblical Literature |url=http://www.bookreviews.org/pdf/440_426.pdf |formato=PDF |accesso=25 luglio 2007 }}</ref> A parte alcune critiche provenienti dal mondo accademico, per le sue conclusioni Goulder fu definito come "un rinomato leader nello studio del [[Salterio (liturgia)|Salterio]] ebraico".<ref name=ballard/>
 
Dopo aver studiato a [[Eton College|Eton]] e successivamente lingua e letterature classiche al [[Trinity College (Cambridge)|Trinity College]], fu ordinato presbitero dal vescovo Ronald Hall a [[Hong Kong]], dove era già presente per altri motivi di lavoro. Privo di una formazione teologica vera e propria, fece ritorno in Inghilterra per studiare al Trinity College di Oxford, sotto la direzione di Austin Farrer, mentre qui prestava servizio come curato della chiesa universitaria. Dopo alcuni anni di ministero parrocchiale a [[Withington]], si recò nuovamente a Hong Kong come preside dell'Union Theological College, prima di ottenere un incarico all'Università di Birmingham (presso l'Extra Mural Department).