Differenze tra le versioni di "Diocesi di Helena"

→‎Storia: amplio con l'informazione su Augustin Ravoux
(risolvo disambigua)
(→‎Storia: amplio con l'informazione su Augustin Ravoux)
I primi missionari a raggiungere le terre del Montana furono i [[Compagnia di Gesù|gesuiti]] con padre Pierre De Smet, che nel [[1840]] fondò la missione di Sainte-Marie presso [[Stevensville (Montana)|Stevensville]], e poi la missione di Sant'Ignazio in una regione prevalentemente abitata da Indiani e cercatori d'oro. La missione dei gesuiti si concentrò soprattutto sull'[[evangelizzazione]] dei nativi americani.
 
Il [[vicariato apostolico]] del Montana fu eretto il 3 marzo [[1868]] con il [[breve apostolico|breve]] ''Summi apostolatus'' di [[papa Pio IX]]<ref name="ciangetti">Cfr. {{en}} Paul P. Ciangetti, [https://www.jstor.org/stable/i25014112 ''A Diocesan Chronology of the Catholic Church in the United States''], « The Catholic Historical Review» vol. 28, nº 1 (1942), p. 63.</ref> e comprendeva inizialmente la parte del Montana a est dello spartiacque delle [[Montagne Rocciose]]. Il territorio fu ricavato dal vicariato apostolico del Nebraska (oggi [[arcidiocesi di Omaha]]). Fu nominato come primo vicario apostolico Augustin Ravoux, [[vicario generale]] di [[Arcidiocesi di Saint Paul e Minneapolis|Saint Paul]]<ref>[https://prabook.com/web/augustin.ravoux/2610787 ''Augustin Ravoux''], prabook.com.</ref>, il quale tuttavia non accettò l'incarico; il vicariato apostolico fu allora dato in amministrazione ai vicari apostolici del Nebraska.
 
Il 17 aprile [[1883]]<ref name="ciangetti"/> estese la sua giurisdizione su tutto il Montana, acquisendo i territori del Montana a ovest dello spartiacque delle [[Montagne Rocciose]], che erano appartenuti al vicariato apostolico dell'Idaho (oggi [[diocesi di Boise City]]).