Differenze tra le versioni di "Malakichthys levis"

aggiunta informazioni con fonti, - F
m (→‎top: smistamento lavoro sporco e fix vari)
(aggiunta informazioni con fonti, - F)
{{F|pesci|luglio 2017}}
{{Tassobox
|nome=''Malakichthys levis''
|statocons=NE
|immagine=
|didascalia=
|dominio= [[Eukaryota]]
|regno=[[Animalia]]
<!-- PER LE PIANTE: -->
|superdivisione=
|divisione=
|sottodivisione=
<!-- PER GLI ALTRI ESSERI VIVENTI: -->
|sottoregno=[[Eumetazoa]]
|superphylum=
|sottospecie=
<!-- NOMENCLATURA BINOMIALE: -->
|biautore=Yamanoue & Matsuura
|binome=Malakichthys levis
|bidata=2002
<!-- NOMENCLATURA TRINOMIALE: -->
|triautore=
|trinome=
|tridata=
<!-- ALTRO: -->
|sinonimi=
|suddivisione_testo=
}}
'''''Malakichthys levis''''' <span style="font-variant: small-caps">Yamanoue & Matsuura, 2002</span> è un [[Osteichthyes|pesce osseo]] di [[acqua salata]] appartenente alla [[famiglia (tassonomia)|famiglia]] [[Acropomatidae]].<ref>{{WoRMS|summ=281512}}</ref>
 
==Distribuzione e habitat==
Ne è nota la presenza solo nelle acque a nord dell'[[Australia]] tra la [[penisola di Gove]] (Cape Arnhem) e [[Capo Nord-Ovest]].<ref name=Yamanoue/> La [[locus typicus (biologia)|località tipo]] è [[Dampier Archipelago]].<ref>{{cita|Yamanoue, Y. & Matsuura, K., 2002|p. 1140}}.</ref>
 
==Descrizione==
Presenta un corpo compresso lateralmente la cui lunghezza massima registrata è di 15 cm.<ref>{{FishBase|59902|Malakichthys levis|16 settembre 2021}}</ref> Le [[scaglie]] sono ctenoidi e la [[pinna caudale]] è biforcuta. A differenza di molte specie nel genere ''Malakichthys'', non ha una coppia di spine sul mento; da questo deriva l'epiteto specifico ''levis'', "imberbe".<ref name=Yamanoue>{{cita|Yamanoue, Y. & Matsuura, K., 2002|p. 1143-1144}}.</ref>
È molto simile a ''[[Malakichthys mochizuki]]''.
 
==Note==
<references/>
 
==Bibliografia==
*{{cita pubblicazione|autore1=Yamanoue, Y.|autore2=Matsuura, K.|data=2002|titolo=Descriptions of two new acropomatid species of the genus Malakichthys (Teleostei: Perciformes) from Australia.|rivista=Bull. Mar. Sci.|volume=69|numero=3|pp=1139-1147|lingua=en|cita=Yamanoue, Y. & Matsuura, K., 2002}}
 
{{portale|pesci}}
63 031

contributi