Differenze tra le versioni di "Renato Curcio"

Nella sentenza si parla di omicidio volontario.
(Nella sentenza si parla di omicidio volontario.)
 
Formatosi intellettualmente e politicamente all'[[Università degli Studi di Trento|Università di Trento]], dove sostenne tutti gli esami della facoltà di [[sociologia]], senza conseguire la laurea, e nelle lotte del [[Movimento Studentesco (organizzazione)|Movimento Studentesco]], nel [[1969]] fondò con altri, come la moglie [[Margherita Cagol]] e [[Alberto Franceschini]], il [[Collettivo Politico Metropolitano]], che avrebbe dato origine, passando per l'esperienza di [[Sinistra Proletaria]], al primo nucleo delle Brigate Rosse, il principale gruppo di [[lotta armata]] dell'[[estrema sinistra]] attivo negli [[anni di piombo]].
 
Arrestato nel [[1974]] ed evaso l'anno dopo, rimase nuovamente latitante per un breve periodo, e fu in seguito condannato a 28 anni di carcere per concorso morale in omicidio non premeditato, in seguito all'[[Assalto alla sede del Movimento Sociale Italiano di Padova|attacco alla sede del Movimento Sociale Italiano di Padova]] (Curcio non vi partecipò e non uccise mai nessuno di persona, ma fu fra gli ispiratori e scrisse il proclama di rivendicazione), oltre che costituzione di [[associazione sovversiva]] e altri reati. Pur non essendosi mai dissociato, ha dichiarato la fine della lotta delle BR e ha criticato alcune delle sue scelte. Negli [[anni '90]] è stato quindi scarcerato con quattro anni di anticipo, dopo quattro anni di [[semilibertà]]; in tutto ha scontato circa 25 anni di reclusione, di cui 21 in carcere (12 in regime di [[carcere duro]]).
 
Da allora è tornato all'attività di sociologo, nella [[Società cooperativa|cooperativa]] editoriale e sociale [[Sensibili alle foglie]], da lui fondata, la quale si occupa di tematiche legate alla [[disabilità]], nonché ad [[istituzione totale|istituzioni totali]] (come [[carceri]] e [[manicomi]]), [[immigrazione]] e studi sulle nuove forme di [[controllo sociale]] nella [[Cultura di massa|società di massa]].