Differenze tra le versioni di "Ascanidi (linea di Weimar-Orlamünde)"

Modifiche
(Creata dalla traduzione della pagina "Askanier (Linie Weimar-Orlamünde)")
 
(Modifiche)
Etichetta: Editor wikitesto 2017
[[Datei:Orlamünde-askanier.jpg|miniatura| Stemma dei conti Ascanidi di Orlamünde.]]
[[Datei:Askanier_Karte.jpg|miniatura| La contea di Orlamünde sotto il dominio degli [[Ascanidi]].]]
[[File:Epiorlamuende1.JPG|miniatura| Sigfrido II di Orlamünde.]]
[[File:Himmelkron_Epi_Agnes.JPG|miniatura| Epitaffio di Agnese di Orlamünde]]
[[File:HimmelkronOtto.JPG|miniatura| Particolare dell'epitaffio di Ottone VI nell'abbazia di Himmelkron.]]
[[File:Lauenstein_Otto_Orlamuende.JPG|miniatura| Particolare dell'epitaffio di Ottone X nella chiesa di Ludwigsstadt.]]
La '''linea collaterale di Weimar-Orlamünde degli [[Ascanidi]]''', un'alta stirpe nobile tedesca, governò la [[contea di Weimar-Orlamünde]] nell'attuale [[Turingia]] a partire dal XII secolo.
 
 
=== Linea ascanide ===
Come ulteriore discendente di Ottone di Orlamünde in linea femminile, [[Alberto l'Orso]] entrò in possesso dell'eredità della zona senza combattere. Questo insediò suo figlio [[Ermanno I di Weimar-Orlamünde|Ermanno I]] come governatore di Orlamünde. Dopo la morte di suo padre nel 1170 e la divisione dell'eredità ascanide tra i cinque figli laici di Alberto, Ermanno I divenne conte di Orlamünde, sotto immediatezza imperiale. Morì il 19 ottobre 1176 e gli successe suo figlio [[Sigfrido III di Weimar-Orlamünde|Sigfrido III]], che cedette i suoi possedimenti al castello imperiale di [[Kayna]] all'imperatore [[Federico Barbarossa|Federico I]] nel 1179 e ricevette in cambio beni a Orlagau.[[File:HimmelkronOtto.JPG|miniatura| Particolare dell'epitaffio di Ottone VI nell'abbazia di Himmelkron.]]
 
=== Alberto, conte di Holstein ===
Nel 1194 Sigfrido III fece consacrare solennemente la chiesa di Santa Maria davanti al castello di Orlamünde. Morì nel 1206. Suo figlio [[Alberto II di Weimar-Orlamünde|Alberto]], conte di Holstein, ereditò la contea di Orlamünde, mentre l'altro figlio [[Ermanno II di Weimar-Orlamünde|Ermanno II]] ereditò la contea di Weimar. Quest'ultimo cercò di usurpare la contea al fratello assente e la guerra scoppiò quindi tra lui e il suocero di Alberto, il langravio di Turingia. Nel corso di questa guerra, il langravio [[Ludovico IV di Turingia|Ludovico il Santo]] occupò nel 1223 il [[Rovine del castello di Schauenforst|castello di Schauenforst]] (come parte di Orlamünde) per conto di suo cognato Alberto e fece prigioniero Ermanno II a Weimar, per poi rilasciarlo. Nel 1227 Alberto tornò nella sua terra ereditaria di Orlamünde. Morì senza figli nel 1245 e fu ereditato dal fratello Ermanno II, che gli sopravvisse per due anni.
 
=== La linea dei Merano ===
[[File:Himmelkron_Epi_Agnes.JPG|miniatura| Epitaffio di Agnese di Orlamünde]]
Ermanno II era il marito di Beatrice, l'erede di [[Merania]]. Beatrice morì nel 1272 ed i feudi merani furono divisi tra i figli di Ermanno II.
 
 
=== Estinzione nel XV/XVI secolo ===
[[File:HimmelkronOttoLauenstein_Otto_Orlamuende.JPG|miniatura| Particolare dell'epitaffio di Ottone VIX nell'abbazianella chiesa di HimmelkronLudwigsstadt.]]
Una linea collaterale che risale a Hermann III esisteva ancora a [[Castello di Lauenstein (Frankenwald)|Lauenstein]] e [[Castello di Wespenstein|Gräfenthal]]. Fu posseduto a [[Magdala (Germania)|Magdala]], con Schauenforst, fino al 1426 a [[Gräfenthal]], fino al 1427 a [[Lichtenberg (Baviera)|Lichtenberg]] e fino alla fine a Lauenstein e dintorni, ma fu segnato dal declino economico. Gli ultimi portatori del nome della famiglia morirono con il nipote di [[Ottone X di Weimar-Orlamünde|Ottone X]], il consigliere privato dell'[[Elettorato di Brandeburgo]] Federico VI († dopo il 1486) e sua figlia Caterina († dopo il 1544), monaca nel convento di Heiligkreuz vicino a [[Saalburg-Ebersdorf|Saalburg]].