Filologia: differenze tra le versioni

LiveRC : Annullate le modifiche di 79.56.235.60 (discussione), riportata alla versione precedente di Nima Tayebian
Nessun oggetto della modifica
Etichette: Annullato Modifica da mobile Modifica da web per mobile
(LiveRC : Annullate le modifiche di 79.56.235.60 (discussione), riportata alla versione precedente di Nima Tayebian)
Etichetta: Annulla
{{NN|letteratura|aprile 2017}}
[[File:Aveu René 3.jpg|thumb|upright=1.2|Un manoscritto miniato]]
La '''filologia''' ({{lang-grc|φιλoλογία|philologhía|interesse per la parola}}, composto da φίλος, ''phìlos'', "amante, amico" e λόγος, ''lògos'', "parola, discorso"), secondo l’accezione comune attuale, è un insieme di discipline che studia i [[Testo|testi]] di varia natura (letterari, storici, politologici, economici, giuridici, ecc.), da quelli antichi a quelli contemporanei, al fine di ricostruire la loro forma originaria attraverso l’analisi critica e comparativa delle [[Fonte testuale|fonti]] che li testimoniano e pervenire, mediante varie metodologie di indagine, ad un’interpretazione che sia la più corretta possibile.
 
Il filologo italiano [[Alberto Varvaro]] evidenzia come qualsiasi testo, sia scritto sia orale, inerente a qualsiasi sapere, può e deve essere trattato con i metodi e gli strumenti della filologia.<ref>{{Cita libro|autore=A. Varvaro|titolo=Prima lezione di filologia|editore=Editori Laterza|p=28-29}}</ref> La filologia dunque non identifica un ambito d'indagine, ma un metodo.
 
Il libro
 
== Definizioni ==
215 062

contributi