Lingua proto-germanica: differenze tra le versioni

nessun oggetto della modifica
mNessun oggetto della modifica
Nessun oggetto della modifica
|nomenativo=
|regione=[[Scandinavia]]
|periodo=[[Età del bronzo]] - [[200II secolo a.C.]]/[[I secolo a.C.]]
|scrittura=
|tipologia=
 
== Caratteristiche linguistiche ==
Il proto-germanico aveva solo due tempi verbali (passatopresente e presentepreterito), in confronto ai sei o sette del [[Greco antico|greco]], [[Lingua latina|latino]] e [[sanscrito]]. Alcune differenze sono dovute alla perdita di tempi esistenti nel proto-indoeuropeo, come il perfetto, oppure al sincretismo funzionale e alla semplificazione di tutte le lingue figlie. Tuttavia alcuni tempi di altre lingue storiche (futuro, futuro anteriore, trapassato, imperfetto) sembrano essere singole innovazioni, perché non ricostruibili per il proto-indoeuropeo. Restano i nomi verbali: infinito, participi e forme gerundive.
Inoltre il germanico sembra mostrare traccia di un substrato non-indoeuropeo soprattutto nel lessico, che Theo Vennemann ha discutibilmente delineato nell'[[ipotesi del substrato vasconico]].
 
== Evoluzione del proto-germanico ==
Si considera che gli [[Indoeuropei]] siano giunti allenelle pianure della [[Svezia]] meridionale e della [[Danimarca]], luoghi di origine delle [[Germani|genti germaniche]], all'inizio dell'[[età del Bronzo]] (attorno al [[2000 a.C.]]). Infatti questo è il luogo dove non sono stati trovati luoghi con nomi pre-germanici. Il periodo della [[cultura della ceramica cordata]] sembra essere quello più probabile.
 
Una caratteristica tipica delle lingue germaniche, nota come [[legge di Grimm]] o col termine [[lingua tedesca|tedesco]] ''Erste Lautverschiebung'', inizia intorno al [[500 a.C.]] e si completa nel [[II secolo a.C.]] Essa prelude alla successiva fase del '''germanico comune''', caratterizzato da una complessiva omogeneità ma da alcune evoluzioni (specie a livello [[Morfofonologia|morfofonologico]]) differenziate nei dialetti germanici a tal punto da generare le lingue storicamente attestate ([[Lingua gotica|gotico]], [[Lingua norrena|norreno]], [[Lingua inglese antica|anglosassone]]...) a partire dall'inizio dell'[[era volgare]].
 
== Maggiori cambiamenti di suono ==
* [[Legge di Grimm]];
* [[Legge di Verner]];
* Passaggio da un [[accento (fonologia)|accento]] libero e musicale, tipico del [[Lingua protoindoeuropea|protoindoeuropeo]], a uno intensivo e protosillabico<ref>{{Cita web|url=https://filologiagermanicablog.wordpress.com/2017/09/22/accento-intensivo-e-protosillabico/|lingua=it|accesso=12 ottobre 2021}}</ref> (seguirà un riaggiustamento [[Rizotonia|rizotonico]] nei verbi composti, come visibile in [[Lingua inglese antica|inglese antico]]);
* Riduzione di vocale per cui /a/ e /o/ si uniscono in /a/ mentre {{IPA|/aː/}} e {{IPA|/oː/}} in {{IPA|/oː/}}, tale cambiamento incominciò alla fine del proto-germanico e continuò nelle lingue da esso derivate;
* Evoluzione delle sonanti protoindoeuropee {{IPA|/m̩/}}, {{IPA|/n̩/}}, {{IPA|/r̩/}} e {{IPA|/l̩/}}, che sviluppano un'appendice velare {{IPA|/u/}}, come visibile nel proto-germanico ''*teh'''un''''' (da un pre-germanico ''*tehunt'') dal proto-indoeuropeo ''*déḱm̥(t)'' "dieci";
* Semplificazione del sistema delle desinenze, infatti il Proto-germanico aveva sei casi (nominativo, accusativo, genitivo, dativo, strumentale, vocativo), tre generi, tre numeri (singolare, duale, plurale), tre modi (indicativo, congiuntivo, imperativo), due voci (attivo, passivo).
* RiduzioneConguaglio di(ossia vocaleriduzione) vocalico per cui {{IPA|/a/}} e {{IPA|/o/}} si uniscono in {{IPA|/a/}} mentre {{IPA|/aː/}} e {{IPA|/oː/}} in {{IPA|/oː/}}, e tale cambiamento incominciò alla fine del proto-germanico e continuò nelle lingue da esso derivate;
* Evoluzione della {{IPA|/e<sup>1</sup>:/}} fino a {{IPA|/a:/}} e nascita della {{IPA|/e<sup>2</sup>/:}} (forse dalla contrazione, ovvero [[monottongazione]], di {{IPA|/ēi/}});
* Indebolimento (e successiva caduta, dunque [[apocope]]) delle sillabe finali;
* Allungamento di compenso, generalmente dalla caduta della nasale {{IPA|/n/}} tra vocale e fricativa {{IPA|/h/}};
* Restringimento vocalico, per cui si passa da {{IPA|/e/}} a {{IPA|/i/}} davanti a nessi consonantici di nasale + consonante;
* Fenomeni di [[fonetica]] combinatoria, come l'"alternanza grammaticale" o ''Grammatischer Wechsel'' conseguente agli effetti della [[legge di Verner]];
* Semplificazione del sistema delle desinenze, infatti il Protoproto-germanico aveva sei casi (nominativo, accusativo, genitivo, dativo, strumentale, vocativo), tre generi, tre numeri (singolare, duale, plurale), tre modi (indicativo, congiuntivo, imperativo), due voci (attivo, passivo).
 
==Inventario vocalico del proto-germanico==
 
==Inventario consonantico del proto-germanico==
* occlusive sorde (p, t, k, kʷ)
* fricative sorde (f, θ, x/h, xʷ/hʷ)
* fricative/occlusive sonore (ƀ/b, ð/d, ǥ/g, ǥʷ/gʷ)
* nasali (m, n)
* sibilanti (s/, z)
* liquide e semivocali (r, l, j, w)
 
==Note==
173

contributi