Radar meteorologico: differenze tra le versioni

(→‎Utilizzo: amplio)
{{vedi anche|Nowcasting|Meteorologia aeronautica}}
L'uso più frequente del radar si trova negli [[aeroporti]] come supporto al controllo e sicurezza del traffico aereo così come in ambito di ricerca meteorologica per lo studio dei fenomeni atmosferici violenti o nella gestione del territorio per la prevenzione da eventi meteorologici estremi come [[alluvioni]], o per seguire l'andamento di eventi quali [[tornado]] o [[Ciclone tropicale|uragani]]. Si tratta dunque di uno strumento meteorologico principalmente diagnostico di rilevazione al pari di [[satellite meteorologico|satelliti meteorologici]] e [[stazione meteorologica|stazioni meteorologiche]] con ulteriore uso prognostico.
 
Attraverso l'analisi dei dati a seguito di un evento precipitativo, il radar può anche fungere da [[pluviometro]] e fornire la stima della quantità di precipitazioni cadute in una determinata area, trovando quindi applicazioni nell'[[idrologia]] e monitoraggio dei bacini.<ref>{{Cita web|url=https://www.inadef.com/cose-un-radar-meteorologico-limportanza-del-monitoraggio-in-tempo-reale-delle-precipitazioni/|titolo=Cos’è un Radar meteorologico: l’importanza del monitoraggio in tempo reale delle precipitazioni|accesso=2021-10-19}}</ref>
 
== Note ==
 
<references/>
 
== Altri progetti ==
43 901

contributi