Viandante sul mare di nebbia: differenze tra le versioni

zero
m (Annullate le modifiche di 185.220.50.98 (discussione), riportata alla versione precedente di Nima Tayebian)
Etichetta: Rollback
(zero)
== Descrizione ==
{{Doppia immagine|sinistra|DWUDN 1.png|138|DWUDN 2.png|208|Particolare del viandante|La natura primitiva del paesaggio si rifà alle catene montuose della Boemia}}
Al centro della composizione, in primo piano, un viandante solitario si staglia in controluce su un precipizio roccioso, dando la schiena all'osservatore: ha i capelli rossi e scompigliati al vento, è avvolto in un soprabito verde scuro e nella mano destra, appoggiata al fianco, impugna un bastone da passeggio.<ref name="Gad">{{cita libro|autore = John Lewis Gaddis | lingua=en|titolo = The Landscape of History | anno = 2004 | editore = Oxford University Press | città = |pagine = 1-2|ISBN = 0-19-517157-8}}</ref> È lui il vero centro focale e spirituale del dipinto (è al centro dell'opera): ciò malgrado, ben poco si sa su quest'uomo, a parte la sua natura errabonda e introversa. Secondo alcune testimonianze, sotto le vesti del pellegrino vi sarebbe il colonnello della fanteria sassone [[Friedrich Gotthard von den Brinken]], defunto amico di Friedrich che con questa tela ne volle conservare vivo il ricordo.<ref>{{cita libro|autore=Helmut Börsch-Supan, Karl Wilhelm Jähnig|lingua=de|titolo=Caspar David Friedrich. Gemälde, Druckgraphik und bildmäßige Zeichnungen|editore=Prestel Verlag|città=Monaco di Baviera|anno=1973|ISBN=3-7913-0053-9|p=349}}</ref>
 
Il viandante è proteso sull'orlo di uno sperone roccioso freddo e inospitale, lontano da ogni vegetazione, ma collocato in una posizione rialzata, che gli consente di contemplare il panorama che gli si apre davanti. Si tratta di una valle arcaica dal fascino primordiale, avvolta dalla foschia, come se fosse mare (da cui il titolo dell'opera): dal «mare di nebbia» sporgono audaci diverse cime, sulle quali si può notare la presenza di alberi e vegetazione. In lontananza, a sinistra si ergono sbiadite montagne che digradano verso destra. Oltre, la nebbia si espande in modo indefinito arrivando a mescolarsi con l'orizzonte e a diventare indistinguibile dal cielo nuvoloso.
 
Il ''Viandante sul mare di nebbia'', sebbene dipinto in studio, riproduce il paesaggio montano realmente esistente dell'[[Elbsandsteingebirge]], in [[Boemia]]. Sullo sfondo, a destra, è presente lo [[Zirkelstein]], del quale si intravede la caratteristica forma cilindrica, mentre a sinistra si profila il Rosenberg; le rocce sopra le quali si erge il viaggiatore, invece, fanno parte di un gruppo della [[Kaiserkrone]].<ref>{{cita libro|autore = K. L. Hoch| titolo = Caspar David Friedrich und die böhmischen Berge | anno = 1987 |lingua=de| città=Dresda |ISBN = 978-3-364-00029-9}}</ref>
 
== Tecnica ==
[[File:Caspar David Friedrich - Frau vor untergehender Sonne.jpg|thumb|L'espediente della ''[[Rückenfigur]]'' fu sfruttato da Friedrich in molti dipinti: nell'immagine, ''[[Donna al tramonto del sole]]'', 1818]]
L'opera, alta 95&nbsp;cm e larga 75&nbsp;cm,<ref>{{cita libro|autore=Giorgio Cricco|autore2=Francesco P. Di Teodoro|titolo=Itinerario nell'arte 3|anno=2017|editore=Zanichelli|lingua=it|p=79|ISBN=978-88-08-52984-8}}</ref> presenta uno sviluppo verticale che rifiuta le consuete proporzioni orizzontali; la verticalità della composizione, inoltre, serve anche a dare maggior risalto alla verticalità del viandante ritratto al centro.<ref name=a/>
Utente anonimo