Finch (film): differenze tra le versioni

1 470 byte rimossi ,  5 mesi fa
Era scritto da cani
(Era scritto da cani)
==Trama==
{{organizzare|Trama troppo lunga (vedi [[Wikipedia:TRAMA]]), da sfoltire, riassumere e correggere.|film|novembre 2021}}
In un futuro prossimo, in cui il mondo è stato devastato da un'eruzione solare e la maggior parte delle persone sono morte, un uomo di nome Finch lotta per la sopravvivenza. Ogni giorno saccheggia e ripulisce supermercati e palazzi desolati e devastati alla ricerca di un po' di cibo. Finch vive all'interno di una pala eolica insieme al suo cane, a cui tiene più della sua stessa vita. Oltre a saccheggiare i supermercati, il protagonista passa le sue giornate in un laboratorio dove cerca di costruire un' intelligenza artificiale che possa badare al suo cane quando lui morirà. Infatti, dal momento che i raggi [[Radiazione ultravioletta|UV]] sono ora estremamente dannosi, dopo una serie di esposizioni al sole, il corpo di Finch è completamente devastato da alcuni terribili tumori. Un giorno, finalmente, Finch riesce a dare vita alla [[Intelligenza artificiale|A.I]]. con cui interagisce e a cui insegna i comandi primari come parlare e rispondere. Quello stesso giorno scopre che un tornado si abbatterà su St. Louis, la città dove vive e per questo decide di costruire un corpo robotico alla A.I e di mettersi in viaggio verso un luogo più sicuro, San Francisco.
In un futuro prossimo, in cui il mondo è stato devastato da un'eruzione solare e la maggior parte delle persone sono morte, un uomo di nome Finch lotta per sopravvivere saccheggiando e ripulendo supermercati e palazzi desolati e devastati alla ricerca di un po' di cibo. Finch vive in una pala eolica che gli fornisce energia, solo con un cane che conta più della sua stessa vita. Finch passa le sue giornate in un laboratorio dove cerca di costruire un' intelligenza artificiale che possa badare al suo cane quando lui morirà, dal momento che i raggi [[Radiazione ultravioletta|UV]] gli hanno provocato terribili tumori. Un giorno Finch riesce a dare vita alla [[Intelligenza artificiale|A.I]]. con cui interagisce e gli insegna i comandi primari come parlare e rispondere. Quello stesso giorno scopre che un tornado si abbatterà su St. Louis, la città dove vive, quindi decide di fornire un corpo robotico alla A.I e di mettersi in viaggio verso un luogo più sicuro, San Francisco. Si mette in viaggio con un camper appositamente modificato con il robot e il suo cane. Il viaggio inizia bene, la prima tappa è una piccola città di cui non ci viene specificato il nome. Qui Finch insegna al robot come comportarsi per trovare cibo e sopravvivere, entrano in un cinema in cerca di cibo e qui chiaramente il robot fa riferimento a come ci siano altri umani all'interno del cinema, ma non vedendoli ostili non riferisce niente a Finch, il mega tornado però ha raggiunto anche questa città allora i protagonisti decidono di correre via e scappare sulle montagne dove il tornado non dovrebbe arrivare. Sfortunatamente non è così e il tornado li raggiunge quindi Finch decide di fermarsi e inchiodare il camper a terra, con l'aiuto del robot riescono a inchiodare il camper però il tornado spezza 3 cavi su 4 facendo alzare in verticale il camper, per fortuna l'ultimo cavo resiste ma nell'atterraggio una ruota si spacca creando un grosso problema infatti Finch aveva la ruota di scorta ma non il crick, qui vediamo la prova di forza del robot che con una sola mano riesce ad alzare il camper e rimpiazzare il crick. Ora Finch e il robot si inerrogano su quale nome dare al robot che alla fine sceglie Jeff. I protagonisti si rimettono in marcia ma non per molto visto che Finch dopo un po' si sente male e si ferma ad una stazione di servizio ovviamente abbandonata, entra con Good Year e lascia Jeff di guardia che però combina un casino perchè si mette alla guida del camper e va a sbattere contro un'auto parcheggiata, il vero problema è che ne Finch ne il cane possono allontanarsi dalla tettoia perchè come mostra Finch al minimo contatto con il sole la pelle si brucia infatti Finch per muoversi utilizza una tuta anti raggi UV rimasta sul camper, il problema si risolve tranquillamente con Jeff che fa retromarcia ma comunque Finch si arrabbia molto con Jeff. Poco dopo però Finch si rilassa e decide che è il momento di fare imparare a guidare Jeff, così il robot inizia a guidare e dopo qualche intoppo riesce facilmente a guidare. I protagonisti si fermano di nuovo per riposare stavolta di sera quindi potevano stare sotto il cielo senza problemi, e qui Jeff fa una domanda che ci siamo posti tutti ossia perchè non viaggiare di notte così si può essere liberi e senza problemi, Finch gli risponde che peggio dei tornado e dei raggi UV ci sono le persone che pur di sopravvivere farebbero qualsiasi cosa. Finch va a dormire ma essendo malato si sveglia molto tardi e si ritrova in una città, a quanto pare Jeff si era messo alla guida del camper. Ma Jeff non era lì infatti era dentro un ospedale abbandonato alla ricerca di provviste, Finch che intuisce subito che qualcosa non torna si veste in fretta e furia e corre alla ricerca di Jeff, quando lo trova sentono dei rumori e quindi scappano via. Dopo che sono fuggiti e sono lontani dalla città notano che un'auto li sta ancora seguendo dall'ospedale, allora i protagonisti cercano di seminarla andando sotto un ponte troppo basso e che spacca i pannelli solari del camper. A questo punto l'auto smette di seguirli ma Finch è distrutto e dice che non ce la faranno ad arrivare a San Francisco, ora segue un dialogo molto commovente tra Finch e Jeff con l'umano che racconta la storia di quando ha trovato Good Year. Jeff però non ha intenzione di arrendersi e durante il sonno di FInch riprende a guidare e va verso la costa ovest. Arrivati ad un certo punto il trasmettitore di Finch dice che i raggi UV non sono più dannosi infatti si iniziano a vedere anche farfalle, fiori e piante. Visto ciò Jeff sveglia Finch e ferma il camper, Finch allora scende e si mette sotto il sole molto felicemente, probabilmente da anni che non lo faceva. Successivamente i protagonisti si mettono a pranzare sotto il sole con Finch che sente che la sua ora è arrivata infatti dopo un po' inizia a tossire sangue e va nel camper a sdraiarsi con il cane che lo segue. Pochi attimi dopo vediamo Finch che muore il cane che piange e Jeff che capisce che Finch se ne era andato. Dopo aver dato l'ultimo saluto a Finch e aver superato un piccolo attacco di panico Jeff decide che è il momento di rimettersi in viaggio verso San Francisco e coronare il sogno di Finch andando sul Golden Gate. Nell'ultima scena vediamo come sotto il Golden Gate ci sia la tomba di Finch in mezzo alle piante, ciò ci fa capire che alcuni luoghi sono stati risparmiati dal calore del sole, e ci mostra i nostri ultimi due personaggi che appendono una cartolina sul ponte in ricordo di Finch, in questa scena ci mostrano anche che molta altra gente ha appeso cartoline ed è probabilmente viva quindi Jeff a conoscenza delle sue capacità decide di andare alla ricerca di qualche sopravvissuto da aiutare.
 
Parte con un camper appositamente modificato per questo viaggio, insieme al robot e al suo cane. La prima tappa è una piccola città di cui non non si conosce il nome. Qui Finch insegna al robot le regole base per la sopravvivenza e lo istruisce su come comportarsi per trovare cibo. Dopo un po' entrano in un cinema e qui il robot avverte la presenza di numerosi umani all'interno della stanza ma non vedendoli ostili non riferisce niente a Finch. Il tornado sta pian piano raggiungendo anche questa città e per questo motivo i protagonisti decidono di scappare sulle montagne dove il tornado non sarebbe dovuto arrivare. Sfortunatamente non è così e per prevenire la perdita del camper, per loro essenziale, Finch decide di fermarsi e inchiodare il camper a terra. Con l'aiuto del robot riesce ad fissare il camper al terreno. Nonostante questo, il camper viene fortemente danneggiato ma non abbastanza da lasciarli senza mezzo di trasposto. A questo punto, Finch si interroga su quale sia il nome più adatto al robot e di comune accordo scelgono "Jeff".
 
Dopo aver ripreso il viaggio, Finch e il robot sono di nuovo costretti a fermarsi in una stazione di servizio a causa di un malore. Il protagonista entra con il fedele cane e lascia Jeff di guardia al camper. Nonostante alcuni avvertimenti, Jeff si mette alla guida del camper e va a sbattere contro un'auto parcheggiata, danneggiando ulteriormente il mezzo. Poco dopo però Finch decide che è il momento di insegnare a Jeff come guidare il camper, così da poter proseguire il viaggio mentre lui si riposa. Finch va a dormire e si risveglia in una città diversa. A quanto pare Jeff ha guidato tutta la notte raggiungendo infine un ospedale, in cerca di provviste. Finch che intuisce subito che qualcosa non va, si veste in fretta e furia e corre alla ricerca di Jeff. Dopo averlo trovato, i due, sentendo dei rumori in lontananza, decidono di scappare. Finch è sempre più malato e incomincia ad arrendersi all'inevitabile destino. Jeff però non ha intenzione di arrendersi e durante la notte riprende a guidare e va verso la costa ovest. Arrivati ad un certo punto il trasmettitore di Finch comunica ai passeggeri che i raggi UV non sono più dannosi in quella zona del mondo. Visto ciò Jeff sveglia Finch e i due scendono dal camper, stendendosi felicemente sotto il sole, come non facevano ormai da molto tempo.
 
Dopo un pranzo veloce, Finch sente che la sua ora è ormai arrivata e alzandosi da tavola inizia a tossire sangue. Poco tempo dopo, Finch muore abbracciato al suo cane. Dopo aver dato l'ultimo saluto all'amico e creatore e aver superato un piccolo attacco di panico, Jeff decide che è il momento di rimettersi in viaggio verso San Francisco e coronare il sogno di Finch: ammirare il panorama dal Golden Gate Bridge.
 
Nell'ultima scena Jeff seppellisce sotto il Golden Gate il corpo dell'amico appendendo anche una cartolina in ricordo dell'amico. Così come loro, molti altri hanno appeso cartoline per onorare amici e famigliari scomparsi. Alla fine Jeff decide di andare alla ricerca di qualche sopravvissuto da aiutare.
 
==Produzione==
Utente anonimo