Neuroradiologia delle sequele dei trattamenti antitumorali: differenze tra le versioni

→‎Sequele fisiologiche: sequele fisiologiche
(sequele post chirurgia)
(→‎Sequele fisiologiche: sequele fisiologiche)
===Sequele fisiologiche===
 
Utilizzare il mezzo di contrasto nell'acquisizione delle immagini dopo chirurgia è fondamentale per la ricerca di recidive di malattia o di complicanze infiammatorie ed infettive. Di norma dopo o 3 giorni dall'intervento non si rilevano alterazioni contrastografiche (salvo interventi particolarmente invasivi) pertanto tale intervallo di tempo è il migliore per la ricerca di recidive di malattia (è pertanto definito ''finestra diagnostica''). Dal quanto giorno in poi di solito si rileva un'impregnazione diffusa e sottile del mezzo di contrasto a carico di tutto il margine chirurgico che persiste fino a 2 mesi dall'intervento con intensità variabile ed è dovuta sia ad aumento locale della permeabilità della BEE sia a fenomeni di ''perfusione di lusso''. In caso di radioterapia successiva tale reperto può sussistere fino a 6 mesi. La cavità dell'intervento contiene spesso residui ematici che appaiono pertanto iperintensi nelle sequenze T1 pesate e possono agire da confondenti se non vengono acquisite immagini senza mezzo di contrasto. Di solito il bordo iperintenso da mezzo di contrasto tende a sparire nel giro di 8-10 settimane in seguito al cessare dei processi riparativi, tuttavia una più precoce scomparsa di questo reperto può essere secondaria a terapie steroidee. L'uptake di mezzo di contrasto in sede meningea dopo chirurgia persiste per anni ed ha significato patologico solo assume morfologia irregolare. Altre impregnazioni fisiologiche in sede encefalica che possono indurre errori diagnostici si possono avere a carico dei [[plessi corioidei]] e dell'[[ependima]] ed anche i seni venosi resi radiopachi possono indurre errori se non riconosciuti. Dato che anche le aree ischemiche possono captare il mezzo di contrasto anche queste possono essere confuse con recidive di malattia; nei casi dubbi le sequenze di diffusone, flusso e la spettroscopia possono aiutare nella diagnosi.
 
Subito dopo l'intervento chirurgico la TC consente di verificare il corretto posizionamento dei lembi ossei o delle ''patch'', oltre che degli zaffi adiposi di solito posti come riempimento dopo l'asportazione di un [[meningioma]]. Alla RM subito dopo l'intervento si osserva edema a carico dei tessuti molli iperintenso nelle sequenze T2 pesate ed in quelle T1 pesate ottenute dopo somministrazione del mezzo di contrasto. Sono spesso evidenziabili anche raccolte fluide (per osservare meglio quelle a carico della fossa cranica posteriore conviene acquisire immagini sul piano sagittale anche di questa zona). I focolai emorragici appaiono iperintensi nelle sequenze T1 pesate, mentre le raccolte aeree mostrano assenza di segnale in tutte le sequenze.
 
Tardivamente in sede di intervento permane una cavita glioporotica le cui pareti appaiono iperintense nelle sequenze a TR lungo mentre le aree liquide presentano segnale liquorale. La recidive di malattia vanno ricercate in presenza di questi quadri clinici utilizzando la spettroscopia, che evidenzia incremento del picco della colina superiore al 15-20% del normale non associato a contemporaneo aumento del [[inositolo|mioinositolo]].
 
==Bibliografia==
2 708

contributi