Parlamentarismo negativo: differenze tra le versioni

==Esempi di parlamentarismo negativo nel mondo==
====Svezia====
La [[Svezia]] è uno dei pochissimi paesi al mondo che ammettono tale procedura nel proprio [[organo legislativo]], il [[Riksdag]], tanto da averla codificata nella propria [[Costituzione della Svezia|Costituzione]]. Quest’ultima, infatti, al Capitolo VI, Articolo 3 dello “Strumento di Governo del 1974” <ref>http://www.astrid-online.it/static/upload/protected/SVEZ/SVEZIA.pdf</ref><ref>Testo di Diritto Comparato “Codice delle Costituzioni - Volume II” a cura di Romano Orrù e Giampaolo Parodi (pag. 579)</ref> afferma che:
* Art. 3
“Non più tardi di due settimane dopo la sua prima adunanza, il Riksdag neo-eletto procede a verificare tramite elezione se il Primo Ministro ha un sufficiente supporto da parte del Riksdag. '''Se più della metà dei componenti del Riksdag vota no, il Primo Ministro deve essere revocato'''. Non può tenersi alcuna votazione se il Primo Ministro già stato revocato”.<ref>Testo di Diritto Comparato “Codice delle Costituzioni - Volume II” a cura di Romano Orrù e Giampaolo Parodi (pag. 579)</ref><ref>https://www.senato.it/japp/bgt/showdoc/17/DOSSIER/0/967713/index.html?part=dossier_dossier1-sezione_sezione6-h1_h12</ref><ref> https://www.camera.it/parlam/bicam/rifcost/docapp/rel5.htm</ref>
998

contributi