Neuroradiologia delle sequele dei trattamenti antitumorali: differenze tra le versioni

(→‎Sequele dopo chirurgia: sequele patologiche e complicanze)
 
La TC a strato sottile è l'esame ideale per rilevare malposizionamenti di presidi chirurgici e dell'opercolo osseo, oltre che eventuali corpi estranei lasciati per sbaglio nel letto operatorio (che spesso sono dotati di porzioni radiopache). La presenza di raccolte fluide nella sede di craniotomia deve far ipotizzare una diastasi della sutura ossea chirurgica. Raramente può osservarsi riassorbimento dell'opercolo osseo, spesso dovuto a basso trofismo della dura madre sottostante, risolvibile mediante cranioplastica.
 
Un'infezione a carico della ferita chirurgica o del letto operatorio può essere rilevata utilizzando il mezzo di contrasto in quanto tale aree presentano netta impregnazione contrastografica. Anche la presenza di raccolte fluide e soprattutto di aria è indicativa di infezione in atto. L'infezione può poi espandersi dando [[osteomielite]] a livello cranico oppure cerebrite o [[meningoencefalite]] ([[neuroradiologia delle infezioni]]). Alla RM i tessuti infetti presentano elevato segnale nelle sequenze a TR lungo e sono disomogenee dopo somministrazione del mezzo di contrasto (in caso di [[empiema]] l'uptake è periferico). Alla RM la zona infetta presenta un cercine periferico iperintenso nelle sequenze T2 pesate e FLAIR che circonda il letto operatorio caratterizzato da segnale disomogeneo per la presenza di falde fluide e materiale proteico oltre che di aria. Le sequenze DWI sono fondamentali per il riconoscimento degli [[ascesso cerebrale|ascessi]]. Una rara complicanza infetiva è la trombosi di un seno venoso, ben evidente anche alla TC eseguita senza mezzo di contrasto e non sempre localizzata a livello di un seno venoso vicino al letto operatorio ([[neuroradiologia vascolare]]).
 
L'[[idrocefalo]] è una complicanza tardiva di un eventuale procedura chirurgica intracranica ed è ben valutabile anche con la sola TC, tuttavia la RM mediante le sequenze T2* pesate e cine-RM permette rispettivamente di identificare tracce di [[emosiderina]] dovute ad emorragie di vecchia data e di studiare la dinamica liquorale alla ricerca di eventuali cause ostruttive.
 
==Bibliografia==
2 708

contributi