Bolla dei tulipani: differenze tra le versioni

template cita
m (WPCleaner v2.04 - fix wlink)
(template cita)
[[File:Tulip price index1.svg|thumb|left|upright=1.2|[[Indice dei prezzi]] standard per i contratti dei bulbi<ref>Secondo {{cita pubblicazione |titolo= The tulipmania: Fact or artifact? |autore= Earl A. Thompson |rivista= Public Choice |volume= 130 |numero= 1–2 |anno= 2007 |pp= 99–114 |url= http://www.econ.ucla.edu/thompson/Document97.pdf |formato= PDF |doi= 10.1007/s11127-006-9074-4 |accesso= 15 aprile 2014 |urlarchivio= https://web.archive.org/web/20080923192831/http://www.econ.ucla.edu/thompson/Document97.pdf |dataarchivio= 23 settembre 2008 |urlmorto= sì }}</ref>, con il brusco crollo in febbraio. Mancando i dati tra il 9 febbraio e il 1º maggio, la forma del grafico del ribasso non è nota.]]
 
Nella prima metà del [[XVII secolo]], nei [[Paesi Bassi]] la [[domanda e offerta#Domanda|domanda]] di [[Bulbo|bulbi]] di [[tulipa|tulipano]] raggiunse un picco così alto che ogni singolo bulbo di tulipano raggiunse prezzi enormi (sopra a 200 [[Fiorino olandese|fiorini olandesi]]); questo straordinario livello dei prezzi calò comunque drasticamente in breve tempo.<ref>Mike Dash, ''Tulipomania: The Story of the World's Most Coveted Flower & the Extraordinary Passions It Aroused'', 1999</ref> A partire dal 1636, il bulbo di tulipano diventò il quarto principale prodotto di esportazione dei Paesi Bassi dopo [[gin]], [[Clupea harengus|aringhe]] e [[formaggio]]. Il prezzo dei tulipani salì alle stelle a causa della speculazione sui futuri tulipani fra coloro che non avevano mai visto i bulbi. Molte persone ottennero e persero la loro fortuna da un giorno all'altro.<ref>Simon {{Cita|Schama, ''The Embarrassment of Riches: An Interpretation of Dutch Culture in the Golden Age'', (1997, )|pp 350–66 esp p. 362350-366}}</ref>
 
== Storia ==
Il [[tulipa|tulipano]], introdotto nei [[Paesi Bassi]] intorno al [[1560]] dalla [[Turchia]], aveva destato meraviglia nei viaggiatori occidentali tornati dal [[Medio Oriente]], che lo importarono in patria;<ref name=":0C2" /> qui la sua coltivazione, presumibilmente iniziata nel [[1593]] da [[Carolus Clusius]],<ref>{{Cita web|url=https://hortus-bulborum.nl/about-the-tulip/tulipmania/?lang=en|titolo=Tulipmania|autore=Hortus Bulborum|lingua=en-US}}</ref> divenne sempre più su larga scala e raggiunse una tale popolarità che nel [[1620]] il tulipano era il fiore più di moda e uno ''[[status symbol]]'' nei Paesi Bassi. In poco tempo si scatenò una forsennata competizione fra i membri della ''[[Ceto medio|middle class]]'' a superarsi nel possesso dei tulipani più rari.<ref name=":0C2">{{Cita|Codenotti (2013)|p. 2}}</ref>
 
Alle varietà di tulipano erano assegnati nomi esotici, a volte venivano chiamate con nomi di ammiragli<!-- ammiragli _navali_ credo sia sottointeso--> olandesi. Nel 1623, un singolo bulbo di una specifica qualità di tulipano poteva costare anche un migliaio di fiorini olandesi (il reddito medio annuo dell'epoca era di 150 fiorini). I tulipani erano scambiati anche con terreni, bestiame, e case<ref>Jacob Cats, nel suo ''Sinne-en minnebeelden'', un libro di parabole morali, racconta di una persona, probabilmente un contadino che, indebitatosi per un singolo bulbo, finisce col pagare 2500 fiorini offrendo in cambio: due covoni di frumento, quattro di segale, quattro buoi grassi, otto maiali, dodici pecore, due damigiane di vino, quattro sacchi di burro, mille libbre di formaggio, un letto, alcuni abiti e una coppa di argento. (citato inda {{Cita|Simon Schama,|p. 358|Schama ''(1997)|titolo=The embarrassmentEmbarrassment of riches'', pag. 358Riches}})</ref>. Presumibilmente, un buon negoziatore<!--trader--> poteva anche guadagnare seimila fiorini al giorno.
 
Nel 1635 fu registrata una vendita di 40 bulbi per 100.000 [[fiorino olandese|fiorini]] (2500 fiorini a bulbo. A titolo di paragone, una tonnellata di [[burro]] costava circa 100 fiorini e "otto maiali grassi" costavano 240 fiorini). Un prezzo record fu pagato per il bulbo più famoso, il ''Semper Augustus'', venduto ad [[Haarlem]] per 6000 fiorini.
* {{cita pubblicazione |titolo= The tulipmania: Fact or artifact? |autore= Earl A. Thompson |rivista= Public Choice |volume= 130 |numero= 1–2 |anno= 2007 |pp= 99–114 |url= http://www.econ.ucla.edu/thompson/Document97.pdf |formato= PDF |doi= 10.1007/s11127-006-9074-4 |accesso= 15 aprile 2014 |urlarchivio= https://web.archive.org/web/20080923192831/http://www.econ.ucla.edu/thompson/Document97.pdf |dataarchivio= 23 settembre 2008 |urlmorto= sì }}
*{{Cita pubblicazione|autore=Bruno Codenotti|titolo=La mania dei tulipani|url=http://www.logicamente.cnr.it/browser/images/tulipani.pdf|cid=Codenotti (2013)}}
*{{Cita libro|nome=Simon|cognome=Schama|titolo=The embarrassment of riches: an interpretation of Dutch culture in the Golden Age|url=http://worldcat.org/oclc/891943235|anno=1997|OCLC=891943235|ISBN=0-679-78124-2|cid=Schama (1997)}}
 
== Voci correlate ==
1 841

contributi