DS 4 (2011): differenze tra le versioni

nessun oggetto della modifica
Nessun oggetto della modifica
Nessun oggetto della modifica
|didascalia2=
}}
La '''DS 4''' introdotta nel [[2011]] è un'automobile di [[segmento C]] prodotta dal [[2011]] al [[2018]] e costituisce la prima generazione della ''DS 4'' stessa. Essa venne prodotta inizialmente, e fino alla fine del [[2014]] dalla [[casa automobilistica]] [[Francia|francese]] [[Citroën]] come '''Citroën DS4'''. Dall'inizio del [[2015]] e fino al termine della sua produzione, appunto nel [[2018]], la vettura venne commercializzata nella gamma del marchio [[DS Automobiles]] e con la sigla '''DS 4''' come denominazione ufficiale, con DS come marchio vero e proprio a se stante.<ref>{{Cita web|url=http://www.citroen.it/citroen-ds4-evolve-e-diventa-ds-4.html|titolo=Citroën DS4 evolve e diventa DS 4|accesso=23 luglio 2017}}</ref>
 
== Storia ==
Nel frattempo, in occasione del [[Salone dell'automobile di Parigi|salone di Parigi]], venne lanciata la nuova generazione della C4 e con essa fu svelata ufficialmente la nuova vettura ''different spirit'' (questo è il significato della sigla ''DS'' utilizzata da Citroën nel nuovo millennio), con il nome di ''DS4''. Pur proponendo in pratica una vettura dallo stesso impatto estetico della concept ''DS High Rider'', la DS4 presentava anche alcune differenze, una delle quali, particolarmente evidente, stava nella presenza delle portiere posteriori. Per il resto, la DS4 non ha tradito le attese degli appassionati di questo genere di vetture, poiché ha impressionato positivamente una folta schiera di visitatori della kermesse parigina. I potenziali acquirenti avrebbero dovuto però aspettare ancora diversi mesi, poiché l'avvio della commercializzazione della DS4 era stato fissato tra il maggio ed il giugno del 2011.
 
==== Design ed interni ====
Fin dalla sua presentazione come concept, la DS4 lasciava intuire facilmente quali sarebbero stati i suoi contenuti stilistici, puntualmente confermati anche nella versione definitiva. Va detto subito che la DS4, con la sua particolare configurazione crossover che unisce la sportività di una berlina di segmento C, la praticità di una cinque porte e l'altezza da terra riscontrabile su alcune [[crossover SUV]], va ad inserirsi in una nicchia di mercato difficilmente assimilabile ad altre crossover già presenti sul mercato, segno degli sforzi dei progettisti di creare una vettura diversa dal solito in un panorama automobilistico che nella seconda metà degli [[anni 2000]] ha teso a diversificarsi in maniera notevole, creando nuovi settori di mercato presso moltissime case automobilistiche. Ne deriva che la DS4 non ha delle concorrenti dirette, ma solo alcuni modelli che vi si possono avvicinare per alcune analogie. Tra queste vanno ricordate la [[Mitsubishi ASX]], la [[Dodge Caliber]] (modelli più vetusti al momento del debutto della DS4) e la [[Nissan Qashqai]] a 5 posti. Quest'ultima è visibile tra l'altro come concorrente della DS4 ed anche della 3008, ma le due vetture francesi sono difficilmente accostabili l'una all'altra, ed anche ciò è una prova evidente delle varie differenze che separano la DS4 dal resto delle crossover e ne fanno una vettura a sé.
[[File:Mondial de l'Automobile 2010, Paris - France (5057888279).jpg|sinistra|miniatura|Linea laterale di una DS 4;notare l'assenza della maniglia per le porte posteriori integrata invece nel montante dei vetri]]
Molto particolari anche gli interni, riccamente rifiniti come si conviene ad una vettura dalle mire premium: la plancia, rivolta verso il conducente presenta anche inserti cromati. Tutto quanto (plancia, cruscotto, sedili, ecc.) è stato disegnato a sua volta badando molto a creare un ambiente originale dal punto di vista stilistico, ma senza riprogettare ex novo alcunché. Si ritrovano infatti alcuni elementi già visti sulla 3008, come per esempio il maniglione anteriore lato passeggero fissato sulla plancia vicino alla console centrale. Molto particolari anche i sedili, con le loro particolari cuciture a "dorso di tartaruga" e con i curiosi poggiatesta cavi. Abbastanza capiente il baule posteriore, della capacità di 385 litri.
 
==== Meccanica e motorizzazioni ====
Pianale e meccanica della ''DS4'' sono direttamente derivati da quelli utilizzati dalle due generazioni della normale C4 (nell'avvicendamento dalla prima alla seconda generazione della compatta francese la base meccanica è stata mantenuta, salvo alcuni aggiornamenti): ritroviamo così l'avantreno pseudo-MacPherson ed il retro treno a traversa deformabile<ref>{{Cita web|url = http://www.omniauto.it/magazine/13298/citroen-ds4|titolo = Citroen DS4|accesso=16 febbraio 2015|data = 30 agosto 2010}}</ref>, con molle elicoidali, [[ammortizzatore|ammortizzatori]] idraulici telescopici e barre antirollio sui due assi. L'impianto frenante prevede [[freno a disco|freni a disco]] autoventilanti all'avantreno e pieni al retrotreno, con ripartitore di frenata, [[sistema antibloccaggio|ABS]], [[controllo elettronico di stabilità|ESP]], [[controllo di trazione]] ed assistente alla frenata di emergenza. Questi dispositivi elettronici appena menzionati fanno parte della dotazione di serie di tutta la gamma DS4.
 
Tre le varianti di [[trasmissione (meccanica)|trasmissione]] previste: il 1.6 VT è previsto di serie con un cambio manuale a 5 marce, mentre il 1.6 THP da 156 CV è abbinato unicamente ad un robotizzato a 6 rapporti ed il 1.6 THP da 200 CV è disponibile esclusivamente con il manuale a 6 marce. Le motorizzazioni a gasolio sono anch'esse disponibili con un cambio manuale a 6 marce, ma a richiesta è possibile ottenere il robotizzato a 6 marce di cui sopra.
 
==== Allestimenti e dotazioni ====
[[File:Paris - Mondial de l'automobile 2010 - Citroën DS4 - 002.JPG|thumb|Vista di un cerchio da 19 pollici su una DS4 in allestimento Sport Chic]]
In Italia, la DS4 era disponibile in tre livelli di allestimento:
* ''Sport Chic'': livello di punta disponibile solo per il motore 1.6 THP da 200 CV e per il 2.0 HDi. Tale livello di allestimento prevede quanto già visto per l'allestimento ''So Chic'', ma con in più: cerchi in lega da 18 pollici anziché da 17, sistema di sorveglianza degli angoli morti, retrovisori esterni con memoria e con funzione di orientamento automatico in caso di inserimento della retromarcia, sensori di parcheggio anteriori ed interni in pelle. Tra gli optional più rilevanti per l'allestimento ''Sport Chic'' vanno ricordati i cerchi in lega da 19 pollici, il DLW (Departure Lane Warning), i sedili anteriori riscaldabili ed il sedile conducente regolabile elettricamente.
 
=== Evoluzione ===
==== I primi anni di carriera ====
La prima tappa evolutiva della gamma ''DS4'' si ha nel dicembre del 2011, quando il 1.6 THP da 156 CV viene portato a 163 CV, mentre la trasmissione viene affidata ad un cambio automatico a 6 rapporti, in luogo del precedente robotizzato. Tale novità è stata prevista inizialmente solo per alcuni mercati: in quello italiano, la nuova versione della ''DS4'' farà la sua comparsa solo a partire dal febbraio del 2012. Nella tarda estate dello stesso anno, la gamma si arricchisce con l'arrivo di un 2 litri turbodiesel depotenziato a 136 CV.
 
Per oltre un paio di anni non si sono avute novità di sorta nella gamma della ''DS4'', fino alla fine del 2014, quando il ventaglio di motorizzazioni ha visto l'arrivo del nuovo 1.2 THP fa 131 CV, che va a sostituire il 1.6 Prince aspirato da 120 CV. Contemporaneamente il motore 1.6 THP da 200 CV viene tolto da alcuni mercati, mentre la variante da 163 CV con cambio automatico viene aggiornata e la sua potenza subisce un leggerissimo incremento (da 163 a 165 CV). Sul fronte dei diesel, infine, si ha l'ingresso in gamma del 1.6 BlueHDi da 120 CV.
 
==== Restyling 2015 e l'ingresso nella gamma DS ====
[[File:2016 DS DS4 Elegance BlueHDi 1.6 Front.jpg|sinistra|miniatura|Una DS 4 nella sua versione ristilizzata]]
La novità più significativa per il 2015 si ha a marzo, quando i listini evidenziano l'assenza della ''DS 4'' dalla gamma Citroën e la sua inclusione nella neonata gamma ''DS''. Cambia quindi la denominazione ufficiale del modello, che non è più ''Citroën DS4'', ma semplicemente ''DS 4''. Per quanto riguarda la gamma motori non si hanno differenze di sorta e si ritrovano quindi le unità già previste dall'autunno precedente, ossia il 1.2 turbo da 131 CV, nonché i 1.6 THP da 165 e 200 CV per quanto riguarda le unità a benzina. Sul fronte dei diesel sono presenti in gamma il 1.6 HDi da 92 CV, il 1.6 e-HDi da 115 CV, il 1.6 BlueHDi da 120 CV ed il 2 litri BlueHDi da 150 e 180 CV. Nello stesso periodo, anche gli altri due modelli ''DS'' (la [[Citroën DS3|DS3]] e la [[Citroën DS5|DS5]]) entrano a far parte della gamma ''DS''. Il modello di punta, soggetto a restyling, perde qualsiasi riferimento al "double Chevron". Invece, la ''DS 4'' conserva ancora la calandra del "double Chevron", così come pure la ''DS 3''.
La [[DS 4 (2021)|seconda generazione della DS 4]] è stata lanciata solo tre anni dopo, nell'estate del 2021.
 
=== Tabella riepilogativa ===
== Caratteristiche tecniche ==
Di seguito vengono mostrate le caratteristiche delle varie versioni previste per la gamma DS4. I prezzi riportati si riferiscono al livello di allestimento meno costoso ed al momento del debutto nel mercato italiano. Dal mese di marzo 2015, i modelli ancora in produzione vengono inclusi nella neonata gamma ''DS''.
 
17 834

contributi