Urina: differenze tra le versioni

738 byte aggiunti ,  4 mesi fa
+info pH + immagini + ref
m (grassetto improprio wp:grassetto + nome alternativo)
(+info pH + immagini + ref)
{{Disclaimer|medico}} {{F|fisiologia|giugno 2012}}
[[File:Hetaera_urinating_into_a_skyphos_at_a_Kylix_by_the_Foundry_Painter_Antikensammlung_Berlin.jpg|miniatura|Rappresentazione di una donna all'atto dell'urinare]]
{{F|fisiologia|giugno 2012}}
L''''urina''' od '''orina'''<ref name=":0">{{Cita web|url=https://www.treccani.it/vocabolario/urina|titolo=urina in Vocabolario - Treccani|sito=www.treccani.it|lingua=it-IT|accesso=2022-01-10}}</ref> è il prodotto finale della escrezione del [[rene]] attraverso la quale vengono eliminati dall'organismo i prodotti metabolici ([[scoriaScoria|scorie]] dannose, soprattutto [[urea]]) presenti nel [[sangue]]. Essa fluisce nella [[pelvi renale]], quindi nell'[[uretere]] e si raccoglie nella [[vescica]], organo cavo preposto al suo accumulo. L'emissione di urina avviene poi attraverso l'[[uretra]], e viene definita [[minzione]]. Nel linguaggio medico le urine emesse in un definito arco temporale prendono il nome di [[diuresi]].
[[File:Hetaera urinating into a skyphos at a Kylix by the Foundry Painter Antikensammlung Berlin.jpg|thumb|upright=1.4|Rappresentazione di una donna all'atto dell'urinare]]
 
L''''urina''' od '''orina'''<ref>{{Cita web|url=https://www.treccani.it/vocabolario/urina|titolo=urina in Vocabolario - Treccani|sito=www.treccani.it|lingua=it-IT|accesso=2022-01-10}}</ref> è il prodotto finale della escrezione del [[rene]] attraverso la quale vengono eliminati dall'organismo i prodotti metabolici ([[scoria|scorie]] dannose, soprattutto [[urea]]) presenti nel [[sangue]]. Essa fluisce nella [[pelvi renale]], quindi nell'[[uretere]] e si raccoglie nella [[vescica]], organo cavo preposto al suo accumulo. L'emissione di urina avviene poi attraverso l'[[uretra]], e viene definita [[minzione]]. Nel linguaggio medico le urine emesse in un definito arco temporale prendono il nome di [[diuresi]].
 
== Medicina ==
[[File:Weewee.JPG|thumb|upright=0.5miniatura|Campione di urina umana]]
L'urina è il prodotto finale dell'escrezione dei [[Rene|reni]], che hanno la funzione di mantenere l'equilibrio idrominerale e [[Equilibrio acido-base|acido-base]] del [[sangue]]. Il valore del [[pH]] è variabile in condizioni fisiologiche (acida durante la notte e [[alcalina]] dopo alimentazione mista) e patologiche,<ref name=":0" /> {{Senza fonte|in un intervallo tra 4,4 e 8, anche se normalmente vicino a 6}}; in condizioni normali varia in un intervallo tra 5,0 e 7,0, in funzione anche della [[dieta]].<ref>{{Cita web|url=https://www.my-personaltrainer.it/salute/pH-urine.html|titolo=pH delle Urine|sito=www.my-personaltrainer.it|lingua=it|accesso=2022-01-10}}</ref>
 
Nell'uomo sano l'urina è un liquido limpido, [[giallo paglierino]] in condizioni normali, [[giallo citrino]] nelle urine concentrate; (la colorazione è dovuta all'urocromo, pigmento derivato probabilmente dalla degradazione delle proteine tissutali). Il valore del pH è variabile tra 4,4 e 8, anche se normalmente vicino a 6. Dal punto di vista [[microbiologia|microbiologico]] l'urina era tradizionalmente considerata sterile; alcuni studi, tuttavia, usando tecniche non convenzionali di coltura batterica, hanno dimostrato l'esistenza di una flora batterica residente nella vescica<ref>{{cita pubblicazione|autore= Hilt EE, McKinley K, Pearce MM, Rosenfeld AB, Zilliox MJ, Mueller ER, Brubaker
 
L, Gai X, Wolfe AJ, Schreckenberger PC.|titolo= Urine is not sterile: use of enhanced
Dal punto di vista [[Microbiologia|microbiologico]] l'urina era tradizionalmente considerata sterile; alcuni studi, tuttavia, usando tecniche non convenzionali di coltura batterica, hanno dimostrato l'esistenza di una flora batterica residente nella vescica<ref>{{cita pubblicazione|autore=Hilt EE, McKinley K, Pearce MM, Rosenfeld AB, Zilliox MJ, Mueller ER, Brubaker
L, Gai X, Wolfe AJ, Schreckenberger PC.|anno=2014|mese=Mar|titolo= Urine is not sterile: use of enhanced
urine culture techniques to detect resident bacterial flora in the adult female
bladder|rivista= J Clin Microbiol|annovolume= 20143|mese= Mar| numero= 52|volume= 3|pp= 871-6| pmidlingua= 24371246en|url=http://jcm.asm.org/content/52/3/871.long|linguapmid= en24371246}}</ref>.
 
La densità è pari a 1015–1025&nbsp;kg/m³. La quantità di urina prodotta è estremamente variabile<ref>{{cita news|autore=Elvira Naselli|url=https://ricerca.repubblica.it/repubblica/archivio/repubblica/2009/11/17/la-produzione-di-urina-influenzata-dai-farmaci.html|titolo=La produzione di urina è influenzata dai farmaci ?|autore=Elvira Naselli|pubblicazione=[[la Repubblica (quotidiano)|la Repubblica]]|data=17 novembre 2009|p=43}}</ref>, in quanto la percentuale di acqua dipende dalla somma dei processi di filtrazione, che avvengono nei [[glomeruloGlomerulo|glomeruli]] renali, e di riassorbimento, che avvengono invece nei [[tubuloTubulo renale|tubuli renali]]; in una persona sana l'eliminazione di acqua con le urine dipende dalla quantità di liquidi introdotti (con alimenti e bevande) e persi (sudorazione, [[feci]], vapore acqueo nell'aria espirata, ecc.). Una persona adulta produce giornalmente, in media, una quantità di urine compresa fra 500 mL e 2500 mL. Sebbene anche in persone sane sia possibile osservare valori esterni a questi limiti, per convenzione si parla di [[oliguria]] ("poche urine") per quantità giornaliere inferiori al limite minimo e analogamente di [[poliuria]] ("molte urine") per quantità superiori al limite massimo.
L'espulsione di [[urea]] consente di eliminare le scorie in modo da comportare una perdita d'acqua molto piccola. Se l'[[ammoniaca]] fosse mandata ai [[nefrone|nefroni]] direttamente, per non produrre gravi danni essa dovrebbe essere molto più diluita.
 
L'espulsione di [[urea]] consente di eliminare le scorie in modo da comportare una perdita d'acqua molto piccola. Se l'[[ammoniaca]] fosse mandata ai [[nefroneNefrone|nefroni]] direttamente, per non produrre gravi danni essa dovrebbe essere molto più diluita.
L'espulsione di urina non è l'unico mezzo con cui perdiamo liquidi corporei: oltre al sudore, infatti, circa mezzo litro viene disperso con la ventilazione (fino a 500 mL senza attività fisica), mentre in media 250&nbsp;cm³ di acqua al giorno vengono espulsi con le feci. Viceversa, all'incirca mezzo litro d'acqua viene prodotto quotidianamente grazie alle reazioni biochimiche (H<sub>2</sub>O endogena), per esempio dalla [[beta ossidazione]] dei lipidi.
 
L'espulsione di urina non è l'unico mezzo con cui perdiamo liquidi corporei: oltre al [[sudore]], infatti, circa mezzo litro viene disperso con la [[Ventilazione (fisiologia)|ventilazione]] (fino a 500 mL senza attività fisica), mentre in media 250&nbsp;cm³ di acqua al giorno vengono espulsi con le [[feci]]. Viceversa, all'incirca mezzo litro d'acqua viene prodotto quotidianamente grazie alle reazioni biochimiche (H<sub>2</sub>O endogena), per esempio dalla [[beta ossidazione]] dei lipidi.
=== Composizione ===
{{approfondimento|allineamento=destra|titolo=Urinod|contenuto='''Urinod''', o '''uronod''' (dal greco ''οὖρον'', urina<ref>{{treccani|uronod|uronod|v=sì|accesso=21 agosto 2020}}</ref>), è stato il nome attribuito ad un ipotetico [[composto chimico]] scoperto nel 1914 da William Dehn e Frank Hartman. I due ricercatori sostenevano di aver isolato la molecola respondabile del caratteristico odore dell'urina ed avevano proposto che si potesse trattare di un [[chetone|ciclochetone]] di formula {{chem|C|6|H|8|O}}<ref>{{Cita pubblicazione|titolo = Urinod, the cause of the characteristic odor of urine|autore = William M. Dehn|autore2 = Frank A. Hartman|rivista = [[Journal of the American Chemical Society]]|volume = 36|numero = 10|editore = [[American Chemical Society]]|data = 1 ottobre 1914|anno = 1914|pp = 2136-2146|lingua = en|ISSN = 0002-7863|doi = 10.1021/ja02187a020|url = https://pubs.acs.org/doi/abs/10.1021/ja02187a020|accesso = 21 agosto 2020|abstract = si}}</ref>. La pubblicazione del 1914 è stata citata e ripresa da alcuni studi dell'epoca, tuttavia la suddetta molecola non è mai stata effettivamente identificata, anzi, già nel 1916 uno studio condotto circa la composizione dell'urina, poneva l'attenzione su alcune incongruenze ed errori metodici commessi da Dehn ed Hartman<ref>{{Cita pubblicazione|titolo = Concerning certain aromatic constituents of urine|autore = R. J. Anderson|rivista = [[Journal of Biological Chemistry]]|volume = 26|editore = American Society for Biochemistry and Molecular Biology|data = 24 luglio 1916|anno = 1916|pp = 409-415|lingua = en|ISSN = 0021-9258|url = https://www.jbc.org/content/26/2/409.full.pdf|formato = pdf|accesso = 22 agosto 2020|abstract = si }}</ref>. Studi successivi confermeranno che l'odore caratteristico dell'urina, erroneamente attribuito ad una nuova molecola, era dovuto al contenuto già noto di [[ammoniaca]], e che nella composizione delle urine umane non sono presenti ciclochetoni o sostanze analoghe.}}
[[File:Harnstoff.svg|thumb|Formula di struttura dell'[[urea]]]]
[[File:Urine under the microscope.jpg|thumb|Campione di urina al microscopio]]
 
=== Composizione ===
{{approfondimento
|allineamento = destra
|titolo = Urinod
{{approfondimento|allineamento=destra|titolo=Urinod|contenuto = '''Urinod''', o '''uronod''' (dal greco ''οὖρον'', urina<ref>{{treccani|uronod|uronod|v=sì|accesso=21 agosto 2020}}</ref>), è stato il nome attribuito ad un ipotetico [[composto chimico]] scoperto nel 1914 da William Dehn e Frank Hartman. I due ricercatori sostenevano di aver isolato la molecola respondabile del caratteristico odore dell'urina ed avevano proposto che si potesse trattare di un [[chetone|ciclochetone]] di formula {{chem|C|6|H|8|O}}<ref>{{Cita pubblicazione|titolo = Urinod, the cause of the characteristic odor of urine|autore = William M. Dehn|autore2 = Frank A. Hartman|rivista = [[Journal of the American Chemical Society]]|volume = 36|numero = 10|editore = [[American Chemical Society]]|data = 1 ottobre 1914|anno = 1914|pp = 2136-2146|lingua = en|ISSN = 0002-7863|doi = 10.1021/ja02187a020|url = https://pubs.acs.org/doi/abs/10.1021/ja02187a020|accesso = 21 agosto 2020|abstract = si}}</ref>. La pubblicazione del 1914 è stata citata e ripresa da alcuni studi dell'epoca, tuttavia la suddetta molecola non è mai stata effettivamente identificata, anzi, già nel 1916 uno studio condotto circa la composizione dell'urina, poneva l'attenzione su alcune incongruenze ed errori metodici commessi da Dehn ed Hartman<ref>{{Cita pubblicazione|titolo = Concerning certain aromatic constituents of urine|autore = R. J. Anderson|rivista = [[Journal of Biological Chemistry]]|volume = 26|editore = American Society for Biochemistry and Molecular Biology|data = 24 luglio 1916|anno = 1916|pp = 409-415|lingua = en|ISSN = 0021-9258|url = https://www.jbc.org/content/26/2/409.full.pdf|formato = pdf|accesso = 22 agosto 2020|abstract = si }}</ref>. Studi successivi confermeranno che l'odore caratteristico dell'urina, erroneamente attribuito ad una nuova molecola, era dovuto al contenuto già noto di [[ammoniaca]], e che nella composizione delle urine umane non sono presenti ciclochetoni o sostanze analoghe.}}
}}
[[File:Harnstoff.svg|thumbminiatura|Formula di struttura dell'[[urea]]]]
[[File:Urine under the microscopeUrine_under_the_microscope.jpg|thumbminiatura|Campione di urina al microscopio]]
Un litro di urina è composto da:
 
* [[acqua]] (960 g)
* [[urea]] (20–25 g)
* [[acido cloridrico]]
* [[potassio]]
* [[calcioCalcio (metallo)|calcio]]
* [[magnesio]]
* [[creatinina]]
 
=== Percorso dell'urina ===
L'urina, derivante dalla filtrazione attraverso i [[reneRene|reni]], si presenta come sostanza liquida nella [[vescica urinaria]], per poi essere espulsa dall'[[uretra]].
 
== Patologia ==
[[File:Hematuria.jpg|thumb|upright=0.5miniatura|Un campione di un soggetto affetto da ematuria]]
 
=== Alterazioni della composizione ===
 
* [[Chetonuria]], presenza di [[corpi chetonici]] (in particolare di [[acetone]]) nelle urine
* [[Albuminuria]], presenza di albumina nelle urine
* Iperstenuria, urine molto concentrate, dal peso specifico aumentato (espulsione di contrasto utilizzato in esami clinici nel caso di [[diabete mellito di tipo 2]] per presenza nelle urine di glucosio) densità >1030&nbsp;kg/m³
* [[Ematuria]], presenza di sangue nelle urine:
** [[microematuria]]: presenza di [[globuloGlobulo rosso|globuli rossi]] visibili all'esame [[microscopioMicroscopio ottico|microscopico]] delle urine
** [[macroematuria]]: presenza di sangue visibile ad occhio nudo che colora le urine (solitamente marrone/rossiccio)
* [[Glicosuria]]/[[Mellituria]], presenza di zuccheri nelle urine
* Lipiduria, presenza di [[lipidi]] nelle urine
* [[Leucocituria]], presenza di [[leucocitaLeucocita|leucociti]] (globuli bianchi) nell'urina (frequente in corso di infezioni delle vie urinarie)
* [[Piuria]], presenza di [[pus]] nelle urine
* [[Pneumaturia]], eliminazione di gas assieme alle urine
 
=== Alterazioni del colore ===
Le urine possono assumere molte colorazioni a seconda dello stato patologico in cui versa il paziente<ref>{{Cita libro|autore=Joan Liebmann-Smith|nome=|cognome=|titolo=Come stai? Leggere i segnali del corpo per riconoscere gli indicatori di disturbi e malattie e distinguerli dai falsi allarmi|accesso=2012|edizione=1|data=|anno=2008|editore=Apogeo Editore|città=|pagine=258|capitolo=Urine pigmentate|url_capitolo=http://books.google.it/books?id=Lpt1OWZASUQC&pg=PA172|isbn=978-88-503-2792-8|mesediaccesso=maggio|giornodiaccesso=14|coautori=Jacqueline Nardi Egan}}</ref>:
 
|nome =
|cognome =
|autore = Joan Liebmann-Smith
|coautori = Jacqueline Nardi Egan
|titolo = Come stai? Leggere i segnali del corpo per riconoscere gli indicatori di disturbi e malattie e distinguerli dai falsi allarmi
|editore = Apogeo Editore
|città =
|anno = 2008
|data =
|edizione = 1
|mesediaccesso = maggio
|giornodiaccesso = 14
|accesso= 2012
|pagine = 258
|capitolo = Urine pigmentate
|url_capitolo = http://books.google.it/books?id=Lpt1OWZASUQC&pg=PA172
|isbn = 978-88-503-2792-8
}}</ref>:
* ''Colore acqua di roccia'': nel caso non si sia assunto acqua in modo eccessivo e tenda a perdurare, potrebbe infatti essere causato da diabete conclamato.
* [[Ambra (colore)|''Ambra'']]: possibile presenza di quantità patologiche di [[bilirubina]] o di [[urobilina]] (da patologie del [[fegato]] o del sangue) o di alcuni farmaci ([[antibioticoAntibiotico|antibiotici]], [[antipireticoAntipiretico|antipiretici]]).
* ''Rosso o marrone rossastro'': sangue ([[ematuria]]), [[emoglobina]], [[mioglobina]], [[porfirina]], coloranti, alcuni farmaci antipiretici, consumo di barbabietole.
* ''Verdastro'': [[biliverdina]] in alcune malattie caratterizzate da [[ittero]] grave, [[acido fenico]] nelle intossicazioni, alcuni farmaci ([[acido salicilico]], [[sulfamidici]], farmaci psicoattivi).
* ''Bruno/nero'': emoglobina, [[porfirina]] in alcuni casi di [[porfiria]].
* ''Viola'' (solo dopo essere state esposte al sole): sintomatologia date dalle malattie [[porfiriaPorfiria|porfirie]].
* ''Blu'': causata da [[ipercalcemia]] con nefrocalcinosi<ref>[http{{Cita web|url=https://www.orpha.net/consor/cgi-bin/OC_Exp.php?lng=IT&Expert=94086|titolo=Orphanet: Sindrome del pannolino blu]|autore=INSERM US14-- TUTTI I. DIRITTI RISERVATI|sito=www.orpha.net|lingua=it}}</ref> o batteri ''[[Pseudomonas]]''.<ref>[http{{Cita web|url=https://www.minformo.it/13175/salute/medicina/colore-delle-urine-normale-strano.html |titolo=Colore delle urine, quando è normale e quando è strano]|autore=BefyJ|sito=M'informo|data=2013-09-27|lingua=it-IT}}</ref>.
 
=== Alterazioni nella produzione e nell'emissione dell'urina ===
 
== Note ==
<references />
 
== Voci correlate ==
 
* [[Apparato urinario]]
* [[Disuria]]
* [[Esame delle urine]]
* [[Fruttosuria]]
* [[Incontinenza urinaria]]
* [[Minzione]]
 
== Collegamenti esterni ==
 
* {{Collegamenti esterni}}
* {{cita web|url=http://www.saninforma.it/Sezione.jsp?idSezione=5630&idSezioneRif=769|titolo=Colorazione delle urine|accesso=18 dicembre 2008|urlarchivio=https://web.archive.org/web/20060607131402/http://www2.saninforma.it/Sezione.jsp?idSezione=5630&idSezioneRif=769|dataarchivio=7 giugno 2006|urlmorto=sì}}
{{Controllo di autorità}}{{Portale|biologia|chimica|medicina}}
 
{{Controllo di autorità}}
{{Portale|biologia|chimica|medicina}}
 
[[Categoria:Fisiologia renale]]
1 838

contributi