Angélique Kidjo: differenze tra le versioni

m
nessun oggetto della modifica
m (Bot: semplifico parametri template Artista musicale (cfr. discussione))
mNessun oggetto della modifica
Etichette: Editor wikitesto 2017 Link a pagina di disambiguazione
 
==Biografia==
Nata a [[Ouidah]], una cittadina sulle coste del Benin, il 14 giugno 1960, Angélique Kidjo è figlia di una coreografa e direttrice di una compagnia di teatro; i suoi fratelli sono musicisti. Si dedica prestissimo alla danza e alla musica cantando nella sua lingua madre, il Fon[[Lingua fon|fon]], poi in [[Lingua yoruba|yoruba]], ma anche in [[Lingua francese|francese]] e in [[Lingua inglese|inglese]].<ref>{{Cita web|url=https://www.rockol.it/artista/angelique-kidjo/biografia|titolo=√ Rockol - la musica online è qui - Novità Musicali|autore=Rockol com s.r.l|sito=Rockol|lingua=it|accesso=2019-03-04}}</ref><ref>{{Cita web|url=https://api.discogs.com/artists/465865|titolo=Angélique Kidjo|sito=Discogs|lingua=it|accesso=2019-03-04}}</ref>
 
Nel 1979, dopo aver inciso i suoi primi successi personali, inizia una tournée in [[Costa d'Avorio|Costa d’Avorio]], [[Togo]], [[Burkina Faso]] e [[Camerun]], dove incontra il musicista e produttore Ekambi Brillant, che le consiglia di trasferirsi a [[Parigi]], capitale della [[world music]].
 
Angélique giunge a Parigi nel 1983 ed entra presto in contatto con musicisti famosi, come [[Manu Dibango]], [[Francis Bebey]], [[Salif KeitaKeïta]], [[Mory KanteKanté]], [[Wally Badarou]]. Con il suo primo gruppo parigino, i Pili Pili, incide due album jazz e partecipa al [[Festival Jazzjazz di MontreauxMontreux]], in [[Svizzera]]. Il suo album da solista, ''[[Paraku]]'', registrato a Parigi e uscito nel 1990, viene ben accolto sia dalla critica che dal pubblico e la lancia come promessa tra le nuove proposte del panorama musicale francoafricano. Nel successivo album – ''[[Logozo]]'' del 1991 - prodotto dall’etichetta Istand/Mango, ospita numerosi prestigiosi artisti, tra i quali Manu Dibango e Brandford[[Branford Marsalis]]. Nel 1996 esce ''[[Fifa (album)|Fifa]]'', seguito l’anno dopo da ''[[Oremi]]''.
 
Nel febbraio 2003 si esibisce assieme a [[Buddy Guy]] in ''[[Voodoo Child (Slight Return)|Voodoo child (slight return)]]'' - cover di [[Jimi Hendrix]] – presso la [[Radio City Music Hall]] a [[New York City]]: la performance entra a far parte del documentario firmato da [[Martin Scorsese]], dal titolo ''Lightning in a bottle: one night in the history of the blues''. Nel maggio 2007 viene pubblicato ''[[Djin Djin]]'', album che vede la collaborazione di nomi come [[Carlos Santana]], [[Alicia Keys]], [[Joss Stone]], [[Peter Gabriel]] e [[Ziggy Marley]]; per la versione per l'Europa e l'Australia, [[Joy Denalane]] e [[Carmen Consoli]] e per quella per il Regno Unito e il Giappone [[Youssou N'Dour]]. Ha avuto il riconoscimento del Best Contemporary World Music Album nell'edizione 2008 dei [[Grammy Award]]. Collabora nella canzone ''Madre Terra'' di Carmen Consoli, nell'album ''[[Eva contro Eva (album)|Eva contro Eva]]''. Una sua trilogia è dedicata a [[blues]], [[musica brasiliana]] e [[Musica caraibica|musiche caraibiche]].
 
Alcune sue canzoni sono state incluse nelle colonne sonore di film, tra cui ''[[Ace Ventura - Missione Africa]]'' (il brano ''Ife''), ''[[Street Fighter - Sfida finale|Street Fighter]]'' (''Worth Fighting For'') e ''[[Caro diario]]'' (''Batonga'').
 
IlNel nuovo2018 esce il disco dell’artista beninese, ''[[Remain in lightLight by Talking Heads]]'' (2018,per la [[Kravenworks Records]], prodotto da [[Jeff Bhasker]], con la collaborazione di [[Ezra Koenig]] dei [[Vampire Weekend]], [[Tony Allen (batterista)|Tony Allen]], Blood Orange e molti altri). èÈ una reinterpretazione del [[Remain in Light|quarto album]] dei [[Talking Heads]] registrato dal gruppo insieme a [[Brian Eno]] nel 1980 e contaminato dall’influenza del musicista nigeriano [[Fela Kuti]], dal [[funk]], dalla [[poliritmia]] africana e dall’elettronica.<ref>{{Cita web|url=https://www.giornaledellamusica.it/recensioni/la-musica-nel-corpo-di-angelique-kidjo|titolo=La musica nel corpo di Angélique Kidjo|sito=Il giornale della musica|lingua=it|accesso=2019-03-04}}</ref>
 
== Discografia ==
* 1996 - ''[[Fifa (album)|Fifa]]''
* 1998 - ''[[Oremi]]''
* 1998 - ''[[Parakou]]''
* 2001 - ''[[Keep on Moving]]''
* 2002 - ''[[Black Ivory Soul]]''
* 2007 - ''[[Djin Djin]]''
* 2010 - ''[[Oyo (album)|Oyo]]''
* 2012 - ''[[Spirit Rising]]''
* 2014 - ''[[Oyo (album)|Eve]]''
* 2015 - ''[[Sings]]''
* 2018 - ''[[Remain in Light by Talking Heads]]''
* 2019 - ''[[Celia (album)|Celia]]''
* 2021 - ''[[Mother natureNature]]''
 
== Note ==