Energia muscolare: differenze tra le versioni

m
L’energia muscolare prodotta oltre all’ [[alimentazione]] può variare in base a numerosi fattori: [[metabolismo]], [[ossigenazione]], età, sesso, riposo, motivazioni, esperienza, peso, e dal tipo di razza negli animali.
 
Il primo tentativo di misurare scientificamente l’energia muscolare risale a [[Guillaume Amontons]] 1699, nel 1798 [[Charles-Augustin de Coulomb]] stimò in 75-120 W l’attività lavorativa di un uomo adulto. Nel 1919 [[Francis Gano Benedict]] condusse diversi studi sul [[metabolismo basale]] BMR elaborando equazioni del consumo energetico atteso stabilendo dei moltiplicatori in funzione del tipo di lavoro di una persona .
 
L’economista [[Vaclav Smil]] elenca i seguenti esempi di lavori con la relativa potenza in Watt dell’energia muscolare<ref>[[Vaclav Smil]] , ''Energia e Civiltà. Una storia.'', pag. 541 ''Addenda'', 2021, trad.Luciano Canova, Hoepli, Milano, ISBN 978 88 360 0009 8</ref> :
7 809

contributi