Energia muscolare: differenze tra le versioni

La storia delle società umane può essere letta anche attraverso le trasformazioni tecnologiche ovvero la continua ricerca di modalità per aumentare la resa produttiva dell’energia, agli albori con strumenti semplici che fungevano da prolungamento degli arti superiori (ad esempio coltelli, zappe, lance, leve, ecc.), poi con strumenti sempre più complessi ed elaborati fino ad arrivare ai primi macchinari azionati a forza muscolare.
Contemporaneamente era venuto evidente che la resa dell’energia muscolare poteva venire aumentata attraverso il lavoro coordinato di più persone (liberi o [[schiavitù|schiavi]] o prigionieri) e successivamente all’addomesticamento, anche con l’energia fornita dagli animali (solo nelle società dove ci fu addomesticamento).
[[File:Milano, Castello, Ghirlanda 03.jpg|thumb|Tram a cavalli SAO, Milano intorno al [[1890]]]]
 
L’invenzione dei [[Motore|motori]] e dello sfruttamento dell’[[energia elettrica]] ha via via soppiantato la forza muscolare nei macchinari, comunque fino alla metà del XX secolo la forza motrice muscolare è stata la principale forza usata dall’umanità.<ref>[[Vaclav Smil]] , ''Energia e Civiltà. Una storia.'', pag.157 ''La forza muscolare'', 2021, trad.Luciano Canova, Hoepli, Milano, ISBN 978 88 360 0009 8</ref>
7 809

contributi