Ateneo di Adriano: differenze tra le versioni

nessun oggetto della modifica
Nessun oggetto della modifica
Nessun oggetto della modifica
 
 
=== Ritrovamento ===
Nel [[2008]] con gli scavi di realizzazione della [[Linealinea C (metropolitana di Roma)|linea C]] della metropolitana]] sono stati riportati in luce resti di ambienti in laterizio in corrispondenza di piazza Madonna di Loreto, che, insieme ad altri scavati agli inizi del Novecento sotto il palazzo delle Assicurazioni Generali, hanno permesso di ricostruire un complesso costituito da almeno tre aule rettangolari.
 
È previsto che la futura fermata Venezia inglobi il sito archeologico, che sarà visibile nell'atrio interno tramite un'apposita teca di vetro.<ref>{{Cita news|autore=Paolo Boccacci|url=https://roma.repubblica.it/cronaca/2019/12/20/news/roma_l_archeo-metro_di_piazza_venezia_ripartono_i_lavori_ma_fondi_a_rischio-243944434/|titolo=Roma, l'archeo-metro di piazza Venezia. Ripartono i lavori ma fondi a rischio|pubblicazione=[[La Repubblica (quotidiano)|La Repubblica]]|data=19 dicembre 2019|accesso=26 settembre 2020}}</ref>
 
== Nella cultura di massa ==
Nel film di [[Francesco Bruni (sceneggiatore)|Francesco Bruni]], ''[[Noi 4]]'', la protagonista - nella veste di responsabile dei lavori della metro C di Roma - deve la sua riconciliazione domestica anche alla "statuetta di un [[Lari (divinità)|Lare]] (per gli antichi Romani, lo spirito protettore del focolare domestico)"<ref>http://www.lospettacoliere.it/il-minimalismo-allitaliana-di-una-scombinata-famiglia-che-si-rincorre-nel-cuore-di-roma/</ref> ritrovata nell'ateneo di Adriano.
 
== Note ==
Utente anonimo