Biblioteca europea di informazione e cultura: differenze tra le versioni

Sposto collegamento esterno in nota entro il testo per maggiore linearità della narrazione riguardo del vicende progettuali; Parametri Template:Cita; Rivedo e aumento un poco le righe circostanti; Virgolette
(→‎Storia: Nuovo progetto di costruzione)
(Sposto collegamento esterno in nota entro il testo per maggiore linearità della narrazione riguardo del vicende progettuali; Parametri Template:Cita; Rivedo e aumento un poco le righe circostanti; Virgolette)
 
== Storia ==
Il progetto per la realizzazione di una nuova grande [[biblioteca]] moderna per la [[Milano|città di Milano]] - sul modello di quelle istituite a cavallo del [[II millennio]] a [[Parigi]], [[Monaco di Baviera]], [[San Francisco]] e altrove - nasce alla fine degli [[Anni 1990|anni novanta]] del [[XX secolo]] per iniziativa dell'associazione “Milano"Milano Biblioteca del 2000”2000".<ref name="Bibl">''La Biblioteca europea di Milano, Vicende e traguardi di un Progetto,'' a cura di [[Antonio Padoa-Schioppa]], Milano, Skira, 2014</ref> Con lo stanziamento di [[Fondazione Cariplo]] e altre istituzioni viene redatto lo [[studio di fattibilità]], relativo alla configurazione architettonica e a quella [[Biblioteconomia|biblioteconomica]].<ref>{{cita web|url=http://www.aib.it/aib/commiss/cnur/boisolim.html|autore=[[Giovanni Solimine]]|titolo=Il progetto delle collezioni della BEIC|opera=Current issues in collection development: Italian and global perspectives|città=Bologna|data=18 febbraio 2005|accesso=28 marzo 2017}}</ref>
 
Nel [[1999]] il progetto rientra nell'ambito di un accordo di programma tra il [[Ministero dei beni e delle attività culturali e del turismo|Ministero dei beni culturali]], il Comune di [[Milano]], la Regione [[Lombardia]], l'[[Università degli Studi di Milano|Università degli Studi]] e il [[Politecnico di Milano]]. Il progetto prevede la creazione di "«una grande biblioteca pubblica, capace di soddisfare i bisogni di [[informazione]], divulgazione e [[cultura]] interdisciplinare di un'[[Area metropolitana di Milano|area metropolitana]] di oltre 7 milioni di cittadini, e che si proponga anche come luogo d'incontro e di socializzazione”socializzazione».<ref>{{Cita web|url=http://www.aedon.mulino.it/archivio/1999/2/acc.htm|titolo=Intesa istituzionale di programma tra il governo della Repubblica e la giunta della regione Lombardia. Accordo di programma quadro in materia di beni culturali fra il ministero per i Beni e le Attività culturali e la regione Lombardia|data=26 maggio 1999}}</ref>
 
La Fondazione BEIC - partecipata dal Ministero dei Beni culturali, dal [[Ministero dell'Istruzione, dell'Università e della Ricerca]], dal Comune di Milano, dalla Regione Lombardia, dal Politecnico e dall'Università degli Studi di Milano - ha preso avvio nel 2004 con la messa punto del [[progetto architettonico]] e dando vita ad una grande nuova [[biblioteca digitale]]. La Fondazione è stata presieduta da [[Antonio Padoa-Schioppa]], promotore del Progetto BEIC, dal 2003 al 2017; dal marzo 2017 è presieduta da [[Francesco Paolo Tronca]], già [[Prefettura (Italia)|prefetto]] di Milano e commissario del Comune di Roma; vicepresidente il prof. Padoa-Schioppa.
 
Nel progetto la sede della nuova biblioteca è situata nell'area dell'[[Stazione di Milano Porta Vittoria (1911)|ex stazione ferroviaria di Porta Vittoria]], messa a disposizione dal Comune di Milano che la ha inserita nel proprio Piano regolatore (2001 e 2007). Lo studio [[Bolles+Wilson]], vincitore del concorso internazionale di progettazione bandito dal Comune di Milano, ha predisposto il progetto architettonico definitivo e il [[progetto esecutivo]] validato dal Politecnico di Milano e approvato dal Consiglio dei lavori Pubblici nel marzo del 2009. La previsione di spesa per i lavori, gli arredi e gli oneri per la sicurezza ammontava a 152 milioni di euro.<ref>{{cita web | url = http://www.beic.it/sites/default/files/BEIC%20PROGETTO%20ESECUTIVO%202011.pdf | titolo = BEIC, progetto esecutivo 2011 | sito = BEIC | formato = pdf}}</ref><ref>{{cita web | url = https://www.beic.it/it/articoli/genesi-e-sviluppi-del-progetto-1996-2011 | titolo = Genesi e sviluppi del progetto (1996-2011) | sito = BEIC | accesso = 27 luglio 2022}}</ref> Le caratteristiche del piano architettonico e della biblioteca digitale della BEIC sono state descritte nel volume ''La Biblioteca Europea di Milano'', edito da Skira nel 2014.<ref name="Bibl" /> Nel 2012, inIn attesa dei finanziamenti richiesti al [[Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti]] il progetto ha subito una battuta d'arresto.<ref>{{Cita news | url = http://www.corriere.it/lettere-al-corriere/10_Giugno_22/UNA-BIBLIOTECA-PER-MILANO-PROGETTO-DA-SALVARE_0516abb2-7dbe-11df-a575-00144f02aabe.shtml | autore = Sergio Romano | wkautore = Sergio Romano | giornale = Il Corriere della Sera | titolo = Lettere al Corriere. Una biblioteca per Milano, un progetto da salvare | data = 22 giugno 2010}}</ref> Nel 2012 si è formulata un'ipotesi alternativa, tale da poter eventualmente ridurre le superfici e conseguentemente i costi di costruzione<ref>{{Cita web | url = https://www.beic.it/it/pagina/costi-e-finanziamenti-necessari È| titolo = Costi e finanziamenti necessari. Progetto esecutivo 2011. Progetto ridimensionato 2012 | sito = BEIC. Biblioteca Europea di Informazione Cultura | accesso = 27 luglio 2022}}</ref>. Il 30 dicembre 2021 è stata sottoscritta una convenzione per regolare i rapporti tra Ministero della Cultura, Comune di Milano e Fondazione BEIC in ordine all'attuazione dell'«intervento Biblioteca Europea di Informazione e Cultura - BEIC» all'interno del [[Piano Nazionale di Ripresa e Resilienza|PNRR]].<ref>{{Cita web | url = https://www.beic.it/it/articoli/e-ufficiale-milano-avr%C3%A0-la-biblioteca-europea-di-informazione-e-cultura-beic | titolo = E' ufficiale, Milano avrà la Biblioteca Europea di Informazione e Cultura - BEIC | sito = BEIC. Biblioteca Europea di Informazione Cultura | data = dicembre 2021 | accesso = 27 luglio 2022}}</ref> Nel marzo 2022 è stato indetto un nuovo concorso, vintodel daquale Onsitestudioa nelluglio 2022,è chestato proclamato vincitore Onsitestudio: prevede la costruzione e ultimazione della "Nuova BEIC e la sua ultimazione" per il 2026.<ref>{{Cita news | url = https://www.artribune.com/progettazione/architettura/2022/07/onsitestudio-realizza-nuova-beic-milano/ | titolo = La Nuova BEIC di Milano sarà una grande serra per la cultura. A realizzarla Onsitestudio | autore = Valentina Silvestrini | rivista = Artribune | data = 11 luglio 2022 | accesso = 27 luglio 2022}}</ref><ref>{{Cita web | url = https://www.beic.it/it/articoli/proclamazione-del-vincitore-del-concorso-internazionale-di-progettazione-della-nuova-beic | titolo = Proclamazione del vincitore del Concorso Internazionale di Progettazione della NUOVA BEIC | sito = BEIC. Biblioteca Europea di Informazione Cultura | data = luglio 2022 | accesso = 27 luglio 2022}}</ref>
 
La Fondazione Beic ha acquisito e catalogato la biblioteca e l'archivio di [[Giuseppe Pontiggia]] nonché l'Archivio fotografico [[Paolo Monti]], depositato presso il Civico archivio fotografico del [[Castello Sforzesco]] di Milano.
A seguito della legge sul [[deposito legale]] n. 106 del 15 aprile 2004 e del successivo regolamento, la Regione Lombardia ha affidato la gestione dell'Archivio della produzione editoriale lombarda alla Fondazione BEIC, con il sostegno della [[Biblioteca nazionale braidense]]. Nel sito della Biblioteca BEIC un [[OPAC]] specifico consente la consultazione di tale archivio.<ref>Maddalena Prina, ''L'Archivio della produzione editoriale della Regione Lombardia'', in ''Biblioteche Oggi'', 2011, n. 1, pp. 29-33.</ref>
 
== Note ==
<references />
 
== Collegamenti esterni ==
* {{Collegamenti esterni}}
* {{cita web|url=http://www.corriere.it/lettere-al-corriere/10_Giugno_22/UNA-BIBLIOTECA-PER-MILANO-PROGETTO-DA-SALVARE_0516abb2-7dbe-11df-a575-00144f02aabe.shtml|titolo=Corriere.it - rubrica di Sergio Romano "Una biblioteca per Milano, un progetto da salvare" (22 giugno 2010)}}
 
{{Biblioteche di Milano}}