Fertilità (agricoltura): differenze tra le versioni

nessun oggetto della modifica
m (+ categ.)
Nessun oggetto della modifica
{{W|agricoltura|giugno 2007|firma='''''[[Utente:Cotton|<span style="color:#000000;">Cotton</span>]] <sup>[[Discussioni utente:Cotton|<span style="color:#708090;">Segnali di fumo</span>]]</sup>''''' 12:31, 11 giu 2007 (CEST)}}
{{S|agricoltura}}
La '''fertilità''' in agricoltura è l'Insieme delle caratteristiche fisiche, chimiche e biologiche che rendono atto il terreno agrario alla coltivazione di colture agrarie.
*Per ''fertilità fisica'' si intendono le caratteristiche fisiche del terreno ravvisabili nella tessitura,cioè la proporzione delle varie categorie dimensionali(sabbia, limo, argilla), la struttura disposizione delle componenti granulometriche che vanno a determinare ad esempio una struttura glomerulare o compatta; la porosità che consente la giusta aerazione del suolo, la densità , la tenacità.
*La ''fertilità chimica'', oltre ad identificare la dotazione in elementi minerali nutritivi, ma si intendono anche le proprietà chimiche che vanno ad influenzare come la reazione (pH), la capacità di scambio cationico (CSC), i processi di fissazione e retrogradazione degli elementi.
*Infine la ''fertilità biologica'' è ravvisabile nella presenza di microorganismi e delle attività che svolgono nel terreno come decomposizione della sostanza organica e nella sua successiva umificazione e mineralizzazione.
La '''fertilità''' del suolo viene preservata e migliorata con tutte le tecniche e le pratiche di coltivazione, come la concimazione , l'irrigazione e le lavorazioni, e tutte collegate tra di loro.
Ad esempio se vengono effettuate delle lavorazioni al terreno non si ripristina o migliora soltanto la struttura ma si va anche a migliorare il circolo dell'aria importante per i microorganismi e il circolo dell'acqua per facilitare l'assorbimento degli elementi nutritivi.
 
19 397

contributi