Differenze tra le versioni di "Messa nella Cena del Signore"

nessun oggetto della modifica
(+ anno)
{{s|cattolicesimo}}
La '''Messa''' '''''in coena Domini''''' (o ''Messa della Cena del Signore''), che inaugura il [[Triduo Pasquale]], è la seconda celebrazione del [[Giovedì Santo]]; in essa si fa memoriale dell'[[Ultima Cena]] del [[Cristo|Signore]] con i suoi discepoli, nella quale, secondo la dottrina cattolica, Gesù istituì i Sacramenti dell'[[Eucarestia]] e del Sacerdozio, e consegnò ai discepoli il Comandamento dell'Amore (''"Amatevi gli uni gli altri come io ho amato voi"'', Gv 13,34), dopo aver lavato loro i piedi; in memoria di quest'ultimo gesto, la liturgia prevede il rito della [[Lavanda dei piedi]].
==Struttura della celebrazione==
La [[liturgia]] comincia come tutte le [[Celebrazione eucaristica|messe]], con il saluto iniziale e l'[[Atto penitenziale]]; può però essere preceduta dalla presentazione degli olii ([[Crisma]], [[Olio dei Catecumeni]] e [[Olio degli Infermi]]), benedetti la mattina dal [[Vescovo]] durante la [[messa crismale]], mediante una breve processione fino all'altare, dove vengono appoggiati ed [[incenso|incensati]]. Al [[Gloria in excelsis Deo|Gloria]] si suonano le campane a festa, secondo gli usi locali, in tutte le Chiese: dopodiché le campane taceranno fino alla notte di Pasqua.
Utente anonimo