Differenze tra le versioni di "Teudi"

Nessun cambiamento nella dimensione ,  13 anni fa
(fix nazionalità)
Alla morte di Amalarico, l'ultimo discendente maschio della dinastia dei Balti (discendenti da Balta; comunque la figlia di Amalarico, Goswinta, sposò [[Atanagildo]], futuro re dei Visigoti e poi, in seconde nozze, il re [[Leovigildo]], assicurò la discendenza in linea femminile sino a don [[Pelayo]] e sembra sino ai [[Capetingi]]), fu eletto re Teudi, che aveva sposato una spagnola molto ricca, proprietaria, secondo [[Procopio]], di oltre 2000 tra schiavi e dipendenti.
 
Il suo primo atto fu di trasferire la capitale del regno da Narbona a Barcino (l'attuale [[Barcellona]]), in quanto i [[Franchi]] premevano sulla [[Settimania]] e l'avevavanoavevano occupata quasi tutta.
 
In quello stesso anno i Franchi erano penetrati attraverso la [[Cantabria]] e nel [[532]] si erano annessi un piccolo territorio ed alcune cittadine nella zona di [[Béziers]].<br>Nel [[533]] [[Childeberto I]], unite le sue forze aquellea quelle del fratello [[Clotario I]], invase la [[Navarra]], occupò [[Pamplona]] e mise sotto assedio [[Saragozza]].<br>Allora Teudi corse in aiuto alla città con due eserciti (uno comandato da lui, ed uno da comandato da[[Teudiselo]]); i Franchi, al suo arrivo, si ritirarono verso i [[Pirenei]], dove furono sconfitti dalla sua armata, mentre Teudiselo, corrotto dai Franchi, non intervenne nella battaglia e permise ai Franchi di ritirarsi indisturbati, carichi di bottino.
 
Alleato degli Ostrogoti, si alleò anche ooi [[Vandali]] del re [[Gelimero]], da cui, nel [[534]] ottenne la città di [[Ceuta]].
 
Difese Ceuta dagli attacchi Bizantini, quando quesiquesti ultimi invasero la costa africana ([[534]]-[[535]]).<br>Nel [[541]], però, attaccato dai re Franchi [[Clotario I]] e [[Childeberto I]], che arrivarono ad assediare, per quarantanove giorni, [[Pamplona]] e [[Zaragoza]], non poté correre in difesa di Ceuta, che, accerchiata sia da terra che dal mare, cadde in mano bizantina nel [[542]].
 
Molto probabilmente, spostò la capitale da [[Barcellona|Barcino]] a [[Toledo]].
17 675

contributi