Differenze tra le versioni di "Via de' Bardi"

nessun oggetto della modifica
 
La strada prende il nome dai [[Bardi (famiglia)|Bardi]], una delle più ricche famiglie di banchieri fiorentine, che in questa zona possedevano numerosi palazzi e terreni. La zona era franabile, come ricorda una targa del [[1545]] fatta mettere da [[Cosimo I de' Medici]] in seguito all'ennesimo crollo di casette popolari che venivano edificate nella zona.
Il palazzo più importante della via è il [[Palazzo Capponi da Uzzano]], al numero 23, fatto costruire da [[Niccolò da Uzzano]], esecutore testamentario dell'[[Antipapa Giovanni XXIII]], nella prima metà del Quattrocento, su progetto forse di [[Lorenzo di Bicci]] o addirittura di [[Donatello]]. È detto anche ''Capponi delle Rovinate'', prendendo il nome dalle continue frane che solo tra il XVII e il XVIII secolo vennero arginate.
 
Il palazzo più importante della via è il [[Palazzo Capponi da Uzzano]], al numero 23, fatto costruire da [[Niccolò da Uzzano]], esecutore testamentario dell'[[Antipapa Giovanni XXIII]], nella prima metà del Quattrocento, su progetto forse di [[Lorenzo di Bicci]] o addirittura di [[Donatello]]. È detto anche ''Capponi delle Rovinate'', prendendo il nome dalle continue frane che solo tra il XVII e il XVIII secolo vennero arginate.
 
Poco lontano il [[Palazzo Canigiani]] fu fatto costruire secondo la tradizione di [[Michelozzo]] sopra le mura di un antico ospedale, dedicato a [[Santa Lucia]], eretto nel [[1283]]. Ad una parete c'è un piccolo [[tabernacolo]] contenente una [[terracotta]] di [[Giovanni Della Robbia]] con ''la Vergine, Gesù Bambino e San Giovannino''.
 
La [[Chiesa di Santa Lucia dei Magnoli]] è pure molto antica, ma l'aspetto attuale risale soprattutto ai pesanti rifacimenti del [[1584]] e del [[1732]]. Davanti alla chiesa un tabernacolo degli anni '50 ricorda l'arrivo in città di [[San Francesco d'Assisi]]: qui esisteva un ospedale per gli infermi nel quale si fermò a pregare e a dare aiuto. Altre targhe ricordano residenti famosi: al 12 [[Giovanni Papini]] e al 16 [[Francesco Redi]]. Vicino alla chiesa si trova anche il [[Palazzo degli Ilarioni]].
 
L'ultimo tratto di via de' Bardi arriva fino al [[Ponte Vecchio]]. Non si direbbe che si tratti della stessa strada per la presenza di edifici moderni molto diversi dal resto della via; in realtà la zona fu minata dai tedeschi in ritirata nell'agosto del [[1944]] e fatta saltare; fu poi frettolosamente ricostruita negli anni Cinquanta perdendo completamente l'antico fascino.
240 393

contributi