Differenze tra le versioni di "Andeca"

45 byte rimossi ,  13 anni fa
m
Template.Nome
m (Bot: Aggiungo: ru:Аудека)
m (Template.Nome)
{{Bio
|Nome = Andeca dei Suebi
|Cognome = dei Suebi
|Sesso = M
|LuogoNascita =
|LuogoMorte =
|GiornoMeseMorte =
|AnnoMorte = [[?]]
|Attività = sovrano
|Epoca = alto medioevo500
|Nazionalità = spagnolo
}}
Re dei [[Suebi]] di [[Galizia (Spagna)|Gallaecia]] dal 584 al 585.
 
 
==Origine==
Salì al trono, nel [[584]], dopo aver prima deposto e poi assassinato il precedente re [[Eborico]] ed averne sposato la madre, Siseguntia, vedova del re [[Miro (Suebo)|Miro]]; fu proclamato re dagli aristocratici, che erano insorti perché Eborico aveva confermato il patto di sottomissione ai [[Visigoti]], stipulato precedentemente da suo padre, Miro.
 
Il re dei Visigoti, [[Leovigildo]], prese a pretesto la deposizione e l'assassinio di Eborico per poter intervenire, ancora una volta, nel regno svevo;<br>invase immediatamente il territorio suebo e, secondo quanto afferma il cronista [[Sant'Isidoro di Siviglia|Isidoro]], <<"con la massima rapidità>>" li sconfisse con due sole battaglie, a [[Oporto|Portucale]] ed a [[Braga|Bracara]].<br>Battuto e fatto prigioniero Andeca, nel [[585]], fu deposto, costretto a sottoporsi alla tonsura, e rinchiuso in un monastero a [[Beja|Pax Julia]].
 
Il regno svevo fu assogettato ed incorporato nel regno visigoto, divenendone una provincia; si fece avanti, allora, un pretendente al trono: [[Malarico]], discendente del re Miro.
 
==Bibliografia==
* Rafael Altamira, "La Spagna sotto i Visigoti", in <<"Storia del mondo medievale>>", vol. I, 1999, pp. 743-779
 
{{portale|medioevo}}
 
[[Categoria:Biografie|Andeca]]
[[Categoria:Re dei Suebi]]
[[Categoria:Nemici ed alleati di Roma]]
20 698

contributi