Ceretic di Alt Clut: differenze tra le versioni

Tmp bio
m (Bot: Standardizzo interwiki)
(Tmp bio)
{{Bio
{{tmp|bio}}
|Nome = Ceretic Guletic
'''Ceretic Guletic''' fu [[monarchia|sovrano]] di [[regno di Strathclyde|Alt Clut]] (odierna [[Dumbarton Rock]]) nel [[V secolo]]. Appare negli scritti di [[san Patrizio]] col nome di ''Coroctico''. La sua presenza in una fonte contemporanea supporta l'ipotesi che sia un sovrano [[storia|storicamente]] esistito.
|Cognome =
|Sesso = M
|LuogoNascita =
|GiornoMeseNascita =
|AnnoNascita =
|LuogoMorte =
|GiornoMeseMorte =
|AnnoMorte = ?
|Attività = sovrano
|Epoca = 400
|Nazionalità =
|PostNazionalità =
|Categorie = [[Categoria:Sovrani del regno di Strathclyde]]
|FineIncipit = fu [[monarchia|sovrano]] di [[regno di Strathclyde|Alt Clut]] (odierna [[Dumbarton Rock]]) nel [[V secolo]]
}}
'''Ceretic Guletic''' fu [[monarchia|sovrano]] di [[regno di Strathclyde|Alt Clut]] (odierna [[Dumbarton Rock]]) nel [[V secolo]]. Appare negli scritti di [[san Patrizio]] col nome di ''Coroctico''. La sua presenza in una fonte contemporanea supporta l'ipotesi che sia un sovrano [[storia|storicamente]] esistito.
 
In una lettera di san Patrizio indirizzata a Coroctico, il [[santo]] rimprovera i ''soldati di Coroctico'' per i loro rapporti coi [[pitti]] e gli [[gaelici|scoti]] e per consegnato dei gaelici neo-convertiti al [[Cristianesimo]] ai pitti. Ceretic compare anche nelle ''[[Harleian genealogies]]'' dei monarchi di Alt Clut, nelle quali si dice che suo padre era Cynloyp, sua nonno era Cinhil e il suo bisnonno era Cluim.<ref>[http://www.kmatthews.org.uk/history/harleian_genealogies/5.html Harleian genealogy 5]; vedi anche Williams, Smyth e Kirby (eds.), ''A Biographical Dictionary of Dark Age Britain'', (Londra, 1991), s.v. "Ceretic", pp. 78-8 </ref> Viene menzionato anche in altre fonti tarde, come il ''[[Libro di Armagh]]'' <ref> Alan MacQuarrie, "The Kings of Strathclyde", in A. Grant & K.Stringer (eds.) ''Medieval Scotland: Crown, Lordship and Community, Essays Presented to G.W.S. Barrow'', (Edinburgh, 1993), p. 3.</ref>