Differenze tra le versioni di "Jean Terrasson"

m
→‎Tre opere singolari: spazi di troppo
m (→‎Tre opere singolari: spazi di troppo)
Il ''Séthos'' di Jean Terrasson conobbe un autentico successo e popolarizzò la nozione dei «misteri egizi». Terrasson vi narra la vicenda di Séthos, una storia d’invenzione che egli dice di aver tratta da un manoscritto greco di un anonimo, il quale a sua volta avrebbe avuto accesso a fonti originali egiziane. Essendo la composizione dell’opera molto anteriore alla decifrazione dei [[geroglifico|geroglifici]], gli [[egitto]]loghi non attribuiscono alcun valore storico alle notizie di Terrasson. [[Emanuel Schikaneder]] si ispirò a questo scritto nel comporre il testo de [[Il flauto magico]], [[musica]]to da [[Wolfgang Amadeus Mozart|Mozart]], particolarmente per i passaggi su temi legati alle concezioni massoniche.
 
La sua ''Académie des dames'' è la traduzione di un dialogo erotico [[Lesbismo|saffico]], che egli finge di attribuire a [[Luisa Sigea]], poetessa erudita della corte di [[Lisbona]], e poi, sosteneva ancora Terrasson, tradotto in latino da Joannes Meursius, umanista di [[Leida]], nell’[[Olanda|Olanda meridionale]]. Se Luisa Sigea è certamente esistita, il Mersius è un personaggio del tutto inventato e l' ''Académie des Dames'' è una creazione dell’avvocato e storico francese [[Nicolas Chorier]], il cui manoscritto circolava negli ambienti libertini.
 
Nella sua ''Dissertation critique sur l'[[Iliade]]'', Terrasson pretende che, grazie soprattutto agli apporti di Cartesio, la scienza, la filosofia e perciò lo spirito umano avessero fatto un tale progresso che i poeti del Settecento ormai superavano nettamente quelli dell’antica Grecia. Vi fa anche osservazioni originali sull’ ''Opéra'', considarata da lui un ponte tra la musica che narra una storia e la musica che è per proprio conto una fonte di piacere.
 
Tra le altre opere, la ''Philosophie applicable à tous les objets de l'esprit et de la raison'' è un saggio filosofico e teologico sul piacere e il dolore. Gli si attribuisce anche un ''Traité de l'Infini Créé'', attribuito per lo più a [[Nicolas Malebranche|Malebranche]].
103 830

contributi