Parole imparentate: differenze tra le versioni

nessun oggetto della modifica
Nessun oggetto della modifica
Nessun oggetto della modifica
{{c|Mi occupo di linguistica storica ma non ho '''mai''' visto usare il termine ''singenico''. Inoltre le parole che gli inglesi chiamano ''cognates'' in italiano sono ''imparentate''. Mi domando che senso abbia una voce così. --[[Utente:Vermondo|Vermondo]] ([[Discussioni utente:Vermondo|msg]]) 12:22, 3 lug 2008 (CEST)}}Le '''parole singeniche''' o '''cognate''' in [[linguistica]] sono parole che hanno la stessa origine. Possono apparire in una stessa lingua, come per ''scrivere'' e ''schiera'', due parole italiane discendenti dalla radice [[lingua protoindoeuropeaindoeuropea|protoindoeuropea]] ''*sker-'', che significa "tagliare, incidere". Possono esistere in due o più lingue, per esempio ''notte'' e il [[lingua tedesca|tedesco]] ''Nacht'' come discendenti della radice del protoindoeuropeo ''*nokt-'', per l'appunto "notte".
 
La parola ''singenico'' equivale alla parola ''cognato''. L'una deriva dal greco συγγενής, -ες [syggenes], da συν [syn] e un derivato di γένεσις, -εως, [genesis], mentre la seconda dal latino ''cognatus'', composta da ''co'' (''con'') + ''gnatus'', ''natus'', participio passato del verbo ''nasci'' "essere nato".<ref>''Il dizionario latino di Cassell</ref> Letteralmente significano entrambi "legati dal sangue, aventi un antenato comune, o legati da una natura, un carattere, o una funzione analoghi".<ref>[http://www.answers.com/topic/cognate] Definizione inglese da parte del dizionario di '''cognate''' su Answers.com. [[The American Heritage® Dictionary of the English Language, Fourth Edition]] Copyright © 2004 by Houghton Mifflin Company. Published by Houghton Mifflin Company.</ref>
519

contributi