Differenze tra le versioni di "Partito Federalista (Italia)"

Nessun cambiamento nella dimensione ,  13 anni fa
Miglio inserì nel [[programma]] del partito la sua idea di trasformare l'Italia in una sorta di confederazione la quale - mantenute le cinque [[regioni a statuto speciale]] - si sarebbe suddivisa in tre [[cantone|cantoni]]: ''[[Valle Padana]]'', ''[[Italia Centrale]]'' e ''[[Italia Meridionale]]''.
 
Il governo centrale sarebbe stato affidato al ''[[Direttorio]]'' costituito dai [[governatore|governatori]] dei tre cantoni,; da un presidente, a rotazione, delle cinque regioni a statuto speciale e dal presidente federale della Repubblica, eletto a [[suffragio universale]] e diretto ogni quattro anni.
 
Un presidente federale che, nell'immaginazione di Miglio, sarebbe stato un vero [[capo di governo]] sul modello [[Stati Uniti d'America|statunitense]] anche se avrebbe sempre dovuto coordinare la sua volontà con quella degli altri membri del Direttorio federale.