Differenze tra le versioni di "Suzuki GSV-R"

Per i primi due anni, la moto rimase quasi del tutto invariata, tanto è vero che le dimensioni rimasero le stesse, il telaio, a doppio trave d'alluminio venne rivisto e rinforzato, ma sostanzialmente era più l'adattamento di parti già usate, che non un nuovo elemento appositamente progettato.
 
Nel [[Motomondiale 2003|2003]] la Suzuki portò la ''XRE1'', che sostituì i vecchi pneumatici [[Dunlop]] con i nuovi della [[Michelin]] e se la gomma anteriore rimase da 16 pollici e mezzo, quella posteriore venne maggiorata di mezzo pollice, arrivando a 17, ma nonostante un progetto più affidabile e con una tenuta di strada superiore, la Suzuki dovette cedere il passo in classifica, piazzandosi second'ultima, davanti a [[Kawasaki Heavy Industries|Kawasaki]] e dietro ad [[Aprilia (industria)|Aprilia]].
 
Nel [[Motomondiale 2004|2004]] la GSV-R ''XRE2'', sotto il profilo tecnico, si presentava superiore all'antenata ''XRE1'' del 2003, tuttavia nonostante avesse riguadagnato la posizione sull'Aprilia, venne scavalcata dalla Kawasaki.
Ma nonostante un progetto leggermente più affidabile e una tenuta di strada superiore grazie alle nuove gomme, la Suzuki dovette cedere il passo in classifica generale a tutte le squadre, compresa l'[[Aprilia (industria)|Aprilia]] da poco entrata nel GP, solo la [[Kawasaki Heavy Industries|Kawasaki]] fece peggio.
Il motore guadagnò 10 cavalli, avendoraggiungendo orai 220 a oltre 14500 giri al minutorpm e il telaio venne ridisegnato, migliorando la rigidità torsionale e flessionale, anche se la moto divenne meno agile perché allungata nel [[passo (veicoli)|passo]] di 30 millimetri, inoltre il nuovo regolamento fu una stagione d'adattamento per il team, datoche prevedeva sia al posteriore che all'anteriore pneumatici da 16 pollici e mezzo, dunqueaccompagnato menodal stabilitàcambio aldi posteriorecoperture, da Michelin a [[Bridgestone]].
 
Nel [[Motomondiale 2004|2004]] la GSV-R ''XRE2'', sotto il profilo tecnico, si presentava superiore all'antenata ''XRE1'' del 2003.
Tuttavia nonostante avesse riguadagnato la posizione persa sull'Aprilia, venne scavalcata dalla Kawasaki.
Il motore guadagnò 10 cavalli, avendo ora 220 a oltre 14500 giri al minuto e il telaio venne ridisegnato, migliorando la rigidità torsionale e flessionale, anche se la moto divenne meno agile perché allungata nel [[passo (veicoli)|passo]] di 30 millimetri, inoltre il nuovo regolamento prevedeva sia al posteriore che all'anteriore pneumatici da 16 pollici e mezzo, dunque meno stabilità al posteriore.
Tra l'altro fu una stagione di adattamento per il team, dato che passò da gomme Michelin a gomme [[Bridgestone]].
 
Nel [[Motomondiale 2005|2005]] e nel [[Motomondiale 2006|2006]], con i modelli ''XRE3'' e ''XRE4'', le uniche differenze furono il motore più potente, capace di 240 cavalli a 16000 giri al minuto, e il peso superiore di 3 chili, per un totale di 148 chilogrammi e grazie ai nuovi accorgimenti, la Suzuki guadagnò alcune posizioni in classifica generale, piazzandosi a metà schieramento.
 
Dal [[Motomondiale 2007|2007]] insieme al regolamento, che non permette oltre 800 cc di cilindrata, cambia anche la sigla identificativa della GSV-R, ora chiamata GSV-R ''XRG0'' per il 2007 e ''XRG1'' per il [[Motomondiale 2008|2008]].
Il serbatoio è passato da 22 a 21 litri per questioni regolamentari, mentre il motore ha un nuovo sistema di distribuzione, ossia [[bialbero]] a camme in testa a comando pneumatico (tecnologia di derivazione [[Formula 1]]), mentre le valvole sono sempre sedici, portando la potenza del motore nel 2007 ad 220 cavalli a 17500 giri al minuto e nel 2008 ad 225 cavalli a 18000 giri al minuto, mentre la lunghezza totale della moto è di 2080 mm anziché 2060.
Le valvole sono sempre sedici.
La lunghezza totale è di 2080 mm anziché 2060, mentre la potenza del motore nel 2007 era di 220 cavalli a 17500 giri al minuto e nel 2008 è pari a 225 cavalli a 18000 giri al minuto.
L'incremento del regime di rotazione del motore, è stato ottenuto grazie alla tecnologia pneumatica, da anni impiegata sui propulsori di [[Formula 1]] che riescono ad arrivare a ruotare alle stesse velocità.
 
I [[freno|freni]] sono progettati dalla [[Brembo (industria)|Brembo]] e sono composti da due [[freno a disco|dischi]] in [[carbonio]] all'anteriore e un disco d'acciaio al posteriore.
27 866

contributi