Apri il menu principale

Modifiche

Annullata la modifica 19206825 di 87.15.112.5 (discussione)
[[Immagine:Como, campanile and part of duomo.jpg|thumb|right|270px|Il Broletto di Como]]
[[Immagine:Lapide_sul_Broletto_di_Como.jpg|thumb|right|270px|Lapide a ricordo dei restauri dell'anno 1927]]
Il '''Broletto di [[Como]]''' è la sede originaria, in epoca medievale, del Comune della città.
 
Venne sito a fianco dell'antica Cattedrale (che a partire dal Quattrocento avrebbe lasciato il posto al nascente [[Duomo di Como|Duomo]] attuale), a significare il forte legame fra il potere civile del Comune e quello della Chiesa. La sua edificazione risale al [[1215]] per volontà del podestà [[Bonardo da Codazzo]].
Esso fu realizzato in stile gotico-romanico mentre gli elementi rinascimentali della facciata risalgono al Quattrocento. La facciata si presenta a fasce di marmo lombardo in tre colorazioni differenti: bianco, grigio e rosso, mentre la torre civica è stata costruita adottando la tecnica del bugnato.
 
A partire dal Quindicesimo Secolo l'avanzamento della costruzione del Duomo richiese il taglio di due archi verso sud e la chiusura di un portico sullo stesso lato. Questa rimozione comportò la separazione del palazzo comunale in due unità distinte, e comunemente indicate dai cittadini con "Broletto" quella ad ovest e "Pretorio" ad est. Venne modificato anche il livello della piazza, che fu alzato, come è possibile constatare ancora oggi osservando il basamento dei pilastri sotto il portico.
Esso fu realizzato in [[stile gotico-romanico]] mentre gli elementi rinascimentali della facciata risalgono al Quattrocento. La facciata si presenta a fasce di marmo lombardo in tre colorazioni differenti: bianco, grigio e rosso, mentre la torre civica è stata costruita adottando la tecnica del bugnato.
Una volta persa la sua funzione civica il Broletto, divenne sede di un teatro e successivamente fu adibito ad archivio.
 
A partire dal Quindicesimo Secolo l'avanzamento della costruzione del Duomo richiese il taglio di due archi verso sud ([[1477]]) e la chiusura di un portico sullo stesso lato ([[1514]]). Questa rimozione comportò la separazione del palazzo comunale in due unità distinte, e comunemente indicate dai cittadini con "Broletto" quella ad ovest e "Pretorio" ad est. Venne modificato anche il livello della piazza, che fu alzato, come è possibile constatare ancora oggi osservando il basamento dei pilastri sotto il portico.
 
Una volta persa la sua funzione civica il Broletto, a partire da [[1764]], divenne sede di un teatro e successivamente fu adibito ad archivio.
 
I secoli Diciannovesimo e Ventesimo videro poi la realizzazione di alcune opere di rifacimento e restauro, intensificatesi particolarmente nell'ultimo decennio. Attualmente il Broletto viene utilizzato come aula congressi, e per mostre d'arte e solennità cittadine.
 
13 167

contributi