Apri il menu principale

Modifiche

m
nessun oggetto della modifica
Il [[15 maggio]] [[1948]], Glubb - chiamato dagli Arabi Abū Hunayk (Quella dalla mascella storta) - guidò la Legione Araba attraverso il Giordano per occupare la Sponda occidentale cisgiordanica, non attendendosi di combattere a causa di malintesi fra l'[[Agenzia Ebraica]] e [[Abd Allah I di Giordania|‘Abd Allāh]]. Secondo [[Avi Shlaim]]:
 
:Circolarono voci sul fatto che ‘Abd Allāh fosse entrato di nuovo in contatto con gli esponenti ebraici, danneggiando ancora una volta la sua posizione nel mondo arabo. I suoi numerosi critici ipotizzarono che egli fosse pronto a compromettere le rivendicazioni arabe sull'intera Palestina non appena egli avesse potuto mettere le mani su una parte della Palestina. 'Le micidiali lotte fra gli Arabi,' riportò Glubb, 'erano assai più presenti nelle menti dei politici arabi della lotta contro gli Ebrei. [[Abd al-Rahman Hassan Azzam|‘Azzām Pasha]], il ''[[mufti|muftī]]'' (ossia [[Amin al-Husayni|Amīn al-Husaynī]] NdR) e il governo siriano avrebbero preferito assai più vedere gli Ebrei mettere le mani sull'intera Palestina piuttosto che Re ‘Abd Allāh ne potesse trarre qualche vantaggio'. (p. 96)<br>
Glubb rimase in carica nella difesa della [[Sponda Occidentale]] fino all'armistizio del marzo del 1949, e come comandante della Legione Araba fino al [[1º marzo]] [[1956]], quando re Husayn ne chiese le dimissioni per marcare la distanza che egli voleva porre fra sé e la Gran Bretagna e per dimostrare ai nazionalisti arabi che Glubb non governava la Giordania. <br>
Divergenze fra Glubb e Husayn erano diventate evidenti fin dal 1952, specie sulla questione del dispositivo di difesa militare, sulla promozione di ufficiali arabi e sul finanziamento della Legione Araba. Malgrado le sue dimissioni, che erano state imposte dall'opinione pubblica, egli rimase un intimo amico del sovrano. Trascorse il resto della sua vita scrivendo libri e articoli, molti dei quali sul [[Vicino Oriente]] e sulle sue esperienze con gli [[Arabi]].
 
==Famiglia==
Nel 1938, Glubb sposò Muriel Rosemary Forbes, figlia del medico James Graham Forbes. La coppia ebbe un figlio, Godfrey (così chiamtochiamato a causa del primo sovrano [[Crociate|crociato]], [[Goffredo di Buglione]]), nato a Gerusalemme nel 1939, e adottò una fanciulla [[beduino|beduina]] nel 1944 e un'altra bimba e un bimbo (entrambi rifugiati palestinesi) furono adottati nel 1947. Sir John morì nel 1986 nella sua casa di East Mayfield, Sussex, e fu sepolto nel cortile della St. Dunstan's Church del villaggio. Lady Glubb morì nel settembre 2005 e fu seppellita accanto al marito. Il loro figlio, Godfrey, si convertì all'[[Islam]] da giovane e prese il nome di Fāris (lett. "cavaliere"), diventando un importante giornalista e ricercatore esperto circa la questione palestinese. Rimase ucciso in un incidente occorsogli in [[Kuwait]] nell'aprile del 2004.
 
==Altre voci==
121 023

contributi