Differenze tra le versioni di "Binaria a eclisse"

m
nessun oggetto della modifica
m
Le binarie ad eclisse sono anche [[stella variabile|stelle variabili]] (e dette quindi '''variabili a eclisse'''), non perché le singole stelle siano variabili, ma a causa delle eclissi. L'esempio più famoso è la stella [[Algol (astronomia)|Algol]] (β [[Perseus (astronomia)|Persei]]), chiamata ''la stella del diavolo'' dagli arabi, che con tutta probabilità avevano notato la sua variabilità.
 
La [[curva di luce]] di una binaria ad eclisse è caratterizzata, per alcuni tipi (EA), da estesi intervalli di luminosità praticamente costante, con cadute periodiche di intensità, per altri la luminosità non è mai costante (EB,EW). Se una delle stelle è più grande dell'altra, quest'ultima subirà un'eclisse totale mentre la prima mostrerà un'eclisse anulare.
 
Il periodo dell'orbita di una binaria ad eclisse può essere determinato dallo studio della curva di luce, e la grandezza relativa delle due stelle può essere trovata, prendendo come unità il raggio dell'orbita, osservando quanto velocemente la luminosità cambia quando i due dischi stellari si sovrappongono. Se è anche una binaria spettroscopica gli [[elementi orbitali]] possono essere trovati completamente, e la [[Massa (fisica)|massa]] delle stelle può essere facilmente determinata.
14 418

contributi