Differenze tra le versioni di "William Rivers"

Nel suo ruolo di Lettore di Psicologia, nel [[1898]] venne coinvolto nella più celebre spedizione [[Scienze etnoantropologiche|antropologica]] della fine del [[XIX secolo]]: la [[Torres Island Expedition]] dell'[[Università di Cambridge]]. La lunga e difficile spedizione, che ebbe un ruolo fondamentale per gli studi [[etnografia|etnografici]] mondiali, vide la partecipazione di alcuni dei più noti antropologi del tempo, tra cui [[Alfred Haddon]].
 
Durante la spedizione Rivers (che pure durante la stessa ebbe gravi problemi di salute) riuscì a condurre una lunga serie di osservazioni e ricerche, sia in ambito antropologico che nel settore della [[psicologia etnica|psicologia cross-culturale]], di cui proprio in quell'occasione fu uno dei fondatori. Fu lui a sviluppare il ''metodo genealogico'' per lo studio delle organizzazioni sociali, una metodologia di seguito ampiamente usata nell'antropologia sociale internazionale.
 
Nel [[1910]] scrivesintetizzò le sue riflessioni di merito nel celebre l'articolo "''The Genealogical Method of Anthropological Inquiry''", in cui propone un metodo per la raccolta dei dati riguardanti le relazioni di parentela e le loro terminologie; il metodo riesce a "porre il ricercatore sullo stesso piano del nativo" èe si rivelò anche in seguito molto pratico ed efficace, riduceriducendo i problemi teorici a problemi pratici.
 
In seguito a quella, e ad una successiva spedizione in [[India]], Rivers divenne uno dei più noti sostenitori delle ''[[Diffusionismo|teorie diffusioniste]]'' in [[antropologia culturale]], secondo cui i tratti culturali possono ''migrare'' nel tempo da un'area geografica ad un'altra.
Negli anni successivi, oltre ad approfondire i suoi studi di psicologia e neurofisiologia sperimentale, divenne uno dei principali pionieri dell'accademizzazione dell'antropologia sociale in Inghilterra.
Nel [[1904]] fondò, assieme a [[James Ward]] ed altri, il ''British Journal of Psychology'', tutt'ora una delle più influenti riviste scientifiche nel settore della [[psicologia sperimentale]]. Divenne Fellow della [[Royal Society]] nel [[1908]], e ricevette la ''Royal Society Gold Medal'' nel [[1914]].
Nel 1910 scrive l'articolo "The Genealogical Method of Anthropological Inquiry in cui propone un metodo per la raccolta dei dati riguardanti le relazioni di parentela e le loro terminologie; il metodo riesce a "porre il ricercatore sullo stesso piano del nativo" è pratico ed efficace, riduce i problemi teorici a problemi pratici.
 
== La Prima Guerra Mondiale ed il contributo psicotraumatologico ==