Differenze tra le versioni di "Campo visivo"

m
correzioni ortografiche minori
m (correzioni ortografiche minori)
Il '''campo visivo''' è la rappresentazione del mondo esterno che viene proiettato sulle retine, in assenza di movimenti oculari e del capo.
 
È importante distinguere tra tra ''[[visione binoculare|campo visivo binoculare]]'', che è la porzione del mondo esterno visibile con entrambi gli occhi, e campo visivo monoculare, che è la porzione visibile attraverso un solo [[occhio]]. I campi visivi monoculari dei due occhi si sovrappongono parzialmente nella zona binoculare.
 
Il principio di base da evidenziare è che gli stimoli visivi provenienti dalla metà destra del campo visivo raggiungono l’emisfero sinistro e viceversa. Quando un occhio fissa di fronte a sé un punto, il campo visivo, così come la [[retina]], può essere diviso in 4 quadranti da una linea verticale e da una orizzontale che si intersecano nel centro del punto di fissazione. Poiché l’immagine di un qualsiasi punto del campo viene proiettato invertito sulla retina, l’emicampo visivo destro cadrà, pertanto, sull’emiretina nasale dell’occhio destro e sull’emiretina temporale dell’occhio di sinistra. Quindi, uno stimolo inviato nel campo visivo destro proietta sull'emiretina nasale dell'occhio destro e sull'emiretina temporale dell'occhio sinistro.
3 976

contributi