Differenze tra le versioni di "Siniscalco"

429 byte aggiunti ,  12 anni fa
nessun oggetto della modifica
m (Bot: Standardizzo interwiki)
 
Nel [[Regno di Sicilia]] la figura del Gran Siniscalco fu introdotta da [[Ruggero II di Sicilia|Ruggero II]]: sottoposto al Gran Connestabile, era uno dei sette grandi ufficiali del regno, con il compito di amministrare le proprietà reali e provvedere al vitto del re e della sua corte. La carica sopravvisse in età angioina e aragonese.
 
Giovanni Pontano, poeta e storico, primo ministro di re Ferdinado I d'Aragona, filosofo dell'omonima Accademia di Napoli, definì il Gran Siniscalco "Maestro di Campo". Scipione Ammirato lo definì "Maggiordomo della Casa Reale", "il supremo ufficiale preposto alla tavola".
Per insegne, oltre a quelle del proprio Casato, aveva una coppa di Leocorno. Per approfondimenti vedi http://www.nobili-napoletani.it/Sette_Uffici.htm
 
La figura del gran siniscalco era presente anche nella gerarchia di [[ordine religioso cavalleresco|ordini religiosi cavallereschi]], come i [[Templari]]: aveva il compito di amministare i beni dell'ordine e, solitamente, di sostituire il [[Gran Maestro|gran maestro]] in caso di assenza.
Utente anonimo