Differenze tra le versioni di "Elettroanalgesia"

nessun oggetto della modifica
{{disclaimer soccorso}}
L’'''elettroanalgesia''' è una forma particolare di [[analgesia]] che si basa principalmente sulla stimolazione elettrica dei nervi periferici, il cui scopo è quello di impedire la trasmissione del [[dolore]].Scopo dell’analgesia è la riduzione od eliminazione del dolore.
Il dolore èviene definito come una spiacevole esperienza emotiva e sensoriale che da sempre l’uomo ha cercato di combattere con ogni mezzo.
{{TOCright}}
 
Scopo dell’analgesia è la riduzione od eliminazione del dolore.
==Storia e sviluppo==
Il dolore è una spiacevole esperienza emotiva e sensoriale che da sempre l’uomo ha cercato di combattere con ogni mezzo.
La storia dell’elettroanalgesia ha radici molto antiche. La prima forma nota di questa tecnica precede persino la nascita della [[corrente elettrica]] generata artificialmente. Per ottenere elettroanalgesia nell’antichità si utilizzava la [[Torpediniformes|torpedine]], un particolare tipo di pesce in grado di produrre forti scariche elettriche.
 
Il declino di questa tecnica inizia con il progredire dell’industria farmacologica, ed in generale con il progredire della scienza medica, in grado sempre più spesso di rimuovere “a monte” le cause del dolore. Attualmente rimane una quota di utilizzo dell’elettroanalgesia per alcune particolari forme di dolore, generalmente quello [[Dolore cronico|cronico]], che non rispondono in maniera sufficiente alla sola [[farmacologia]].
 
Il limite dell’elettroanalgesia è quello di avere progredito efficacemente nel tempo parallelamente allo sviluppo della tecnologia (prima elettrica e poi [[elettronica]]) progressivamente disponibile negli anni. Lo stesso tipo di progresso non si è registrato nella ricerca di base.
Il limite dell’elettroanalgesia è quello di avere progredito efficacemente nel tempo parallelamente allo sviluppo della tecnologia (prima elettrica e poi [[elettronica]]) progressivamente disponibile negli anni. Lo stesso tipo di progresso non si è registrato nella ricerca di base. L’elettroanalgesia ancora oggi per molti versi è da considerare una forma di conoscenza sostanzialmente empirica. Per questa ragione non c’è totale accordo sul meccanismo ipotizzato di funzionamento. Generalmente per giustificarne i principi si invoca la teoria del ''[[Teoria del cancello|Gate Control]]'', ma questa teoria è nata autonomamente per altri scopi, ed ha un carattere più generale, finalizzato alla comprensione dei meccanismi di base della trasmissione del dolore. Questa teoria inoltre non soddisfa pienamente la comprensione completa dei meccanismi del dolore cronico, in quanto le aspettative che genera non sono sempre coerenti con la pratica clinica. Ad esempio alcune manifestazioni del dolore cronico slegate dalla linearità del rapporto causa-effetto rispetto allo stimolo [[Nocicezione|nocicettivo]] (es. [[memoria]], [[allodinia]], [[iperalgesia]]), non sembrano rispettare il comportamento della risposta algica ipotizzabile dalla teoria. Stessa osservazione nasce dal fallimento di farmaci analgesici particolarmente efficaci. In diversi modi ed in diversi settori della ricerca scientifica si cercano spiegazioni integrative che permettano di far evolvere il modello standard del sistema dolore in termini funzionali di comportamento <ref>{{cita web|url=http://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/19167425?ordinalpos=1&itool=EntrezSystem2.PEntrez.Pubmed.Pubmed_ResultsPanel.Pubmed_DefaultReportPanel.Pubmed_RVDocSum|titolo=da PubMed}}</ref><ref>{{cita web|url=http://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/17319448?ordinalpos=3&itool=EntrezSystem2.PEntrez.Pubmed.Pubmed_ResultsPanel.Pubmed_DefaultReportPanel.Pubmed_RVDocSum|titolo=da PubMed}}</ref>, specie di quello cronico.
 
 
==Il razionale della terapia==
 
Il limite dell’elettroanalgesia è quello di avere progredito efficacemente nel tempo parallelamente allo sviluppo della tecnologia (prima elettrica e poi [[elettronica]]) progressivamente disponibile negli anni. Lo stesso tipo di progresso non si è registrato nella ricerca di base. L’elettroanalgesia ancora oggi per molti versi è da considerare una forma di conoscenza sostanzialmente empirica. Per questa ragione non c’è totale accordo sul meccanismo ipotizzato di funzionamento. Generalmente per giustificarne i principi si invoca la teoria del ''[[Teoria del cancello|Gate Control]]'', ma questa teoria è nata autonomamente per altri scopi, ed ha un carattere più generale, finalizzato alla comprensione dei meccanismi di base della trasmissione del dolore. Questa teoria inoltre non soddisfa pienamente la comprensione completa dei meccanismi del dolore cronico, in quanto le aspettative che genera non sono sempre coerenti con la pratica clinica. Ad esempio alcune manifestazioni del dolore cronico slegate dalla linearità del rapporto causa-effetto rispetto allo stimolo [[Nocicezione|nocicettivo]] (es. [[memoria]], [[allodinia]], [[iperalgesia]]), non sembrano rispettare il comportamento della risposta algica ipotizzabile dalla teoria. Stessa osservazione nasce dal fallimento di farmaci analgesici particolarmente efficaci. In diversi modi ed in diversi settori della ricerca scientifica si cercano spiegazioni integrative che permettano di far evolvere il modello standard del sistema dolore in termini funzionali di comportamento <ref>{{cita web|url=http://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/19167425?ordinalpos=1&itool=EntrezSystem2.PEntrez.Pubmed.Pubmed_ResultsPanel.Pubmed_DefaultReportPanel.Pubmed_RVDocSum|titolo=da PubMed}}</ref><ref>{{cita web|url=http://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/17319448?ordinalpos=3&itool=EntrezSystem2.PEntrez.Pubmed.Pubmed_ResultsPanel.Pubmed_DefaultReportPanel.Pubmed_RVDocSum|titolo=da PubMed}}</ref>, specie di quello cronico.
 
==Elettrostimolazione di superficie (TENS)==
5 560

contributi