Publio Licinio Valeriano (console 265): differenze tra le versioni

→‎Biografia: riformulo espressione colloquiale; segnalo tuttavia che non si capisce a chi si riferisca la descrizione, se a lui o al fratello
(unica fonte)
(→‎Biografia: riformulo espressione colloquiale; segnalo tuttavia che non si capisce a chi si riferisca la descrizione, se a lui o al fratello)
== Biografia ==
 
Secondo l<nowiki>'</nowiki>''[[Historia Augusta]]''<ref>''Vita di Gallieno'', 12; ''Vita di Valeriano'', 8.</ref>, Valeriano il giovane era figlio dell'imperatore Valeriano e fratellastro dell'imperatore Gallieno. Sempre secondo lla testimonianza dell<nowiki>'</nowiki>''Historia'' era tutto ilben contrariodiverso deldal fratellastro, di bell'aspetto, virtuoso, modesto, dotato di cultura; avrebbe ricevuto la carica di [[cesare (titolo)|cesare]] dal padre e quella di [[augusto (titolo)|augusto]] dal fratello, ma non vi sono altre testimonianze di queste due cariche. Gli storici moderni tendono a vedere questo contrasto artificioso, e considerano Valeriano il giovane il fratello di Gallieno, dunque figlio di [[Mariniana]].
 
Fu nominato [[console (storia romana)|console]] per la seconda volta nel [[265]] (il fatto che il primo consolato non sia attestato sta ad indicare che si trattò di un consolato onorario).