Differenze tra le versioni di "Gianserio Strafella"

nessun oggetto della modifica
Le prime influenze subite dallo Strafella sono quelle degli ambienti romani, soprattutto [[Pietro Negroni]] e [[Taddeo Zuccari]], prima di subire il fascino del manierismo napoletano di [[Andrea Sabatini]] e [[Pedro Rovial]].
 
Proprio a Napoli affrescò la cappella Di Somma nella [[chiesa di San Giovanni a Carbonara]]. Nella [[MatriceChiesa di CopertinoSanta Maria ad Nives]] a Copertino sono invece conservati quattrocinque dipinti, conuna Deposizione e le effigi di [[San Pietro]], [[San Paolo]], [[San Gregorio MagnoZaccaria]] e [[San Gerolamo]]. Queste tavole, risalenti al [[1554]] probabilmente erano parti di un unico [[polittico]] di cui non abbiamo più la figura centrale. Sempre in questa chiesa si possono ammirare un "Coept flere" e una "Deposizione" del 1570.
 
Sempre nel suo paese natale gli fu commissionata anche l'affrescatura del soffitto della Cappella San Marco, parte del complesso del [[Castello di Copertino]]; qui sono raffigurate scene bibliche, mentre alle pareti sono esposte altre sue opere con effigi di santi.
27 673

contributi