Tafalla: differenze tra le versioni

23 byte aggiunti ,  13 anni fa
m
Bot: Aggiungo: gl:Tafalla; modifiche estetiche
m (Sostituisco Km con km, in accordo con le convenzioni del Sistema internazionale di unità di misura)
m (Bot: Aggiungo: gl:Tafalla; modifiche estetiche)
'''Tafalla''' è un comune [[Spagna|spagnolo]] di 10.274 abitanti situato nella [[Comunità autonome della Spagna|comunità autonoma]] della [[Navarra]], situato nel Nord delle penisola iberica a 420 metri di altitudine s.l.m. ai piedi degli ultimi contrafforti dei Pirenei sulla riva destra del fiume ''Cidacos'', importante nodo di comunicazioni stradali nel centro della Navarra a 35 km da Pamplona. Basa la sua economia sulla ortofrutticultura nelle terre irrigate dalle acque del Cidacos e sulla coltivazione dei cereali nelle terre secche e sull'allevamento del bestiame. È anche un centro commerciale e di servizi e capoluogo del distretto giudiziario della zona. Alcune industrie agroalimentari completano il florido assetto economico del comune.
 
== Storia ==
Diverse sono le ipotesi sull'esistenza di Tafalla nell'antichità: secondo alcuni sarebbe stata una colonia militare romana abitata da ex mercenari di origine della steppa russa detti ''Taifales'', secondo altri i Taifales sarebbero venuti con gli altri popoli barbari alla caduta dell'impero romano penetrati nel 409 nella penisola iberica attraversando i Pirenei occidentali, altri ancora attribuiscono la fondazione della città agli arabi nei secoli VIII-IX forti che in certi documenti appare il nome arabo ''Altaffayla'' di una località che viene identificata con Tafalla. Di nessuna rilevanza storica è la tradizione popolare che attribuisce ad un certo ''Tubal'' la fondazione della città.
È certa la presenza romana nella zona già nel I secolo a.C. quando fondarono la città di Pamplona e quella dei Visigoti dopo il dissolversi dell'Impero. L'unico documento in cui appaia il nome di Tafalla è il racconto delle imprese di [[Abd al-Rahman III]] del cronista arabo [[Abrile Sad]] nel 912. Nel 924 [[Abd al-Rahman III]] conquistò la città.
Venticinque anni sopo seguì un periodo di crisi causato nel 1885 da una seconda epidemia di colera e nel 1886 da una disastrosa inondazione dalle acque del Cidacos. La città nonostante i gravi danni seppe riprendersi e nel 1887 si installò l'illuminazione elettrica. Un censimento del 1919 porta la cifra di 5.696 abitanti che negli anni '50 salirono a 9862 per crescere ulteriormente. Nel 1935 s'inaugurò una fabbrica di prodotti alimentari. La guerra civile del 1936-39, come pure la precedente dittatura di [[Primo de Ribera]] dal 1924- al 1930 non ebbero effetti importanti sulla cittadina agricola commerciale che continuò a svilupparsi progressivamente fino ai nostri giorni.
== Monumenti ==
* Fuerte de santa Lucia rovine in alto della cittadina.
* Palacio de Guendulain del secolo XV.
* Convento de las Concepcionistas Recoletas, con la chiesa, confiscato e messo all'asta in seguito alla legge di ''desamortisacion''possò prima una famiglia privata e poi al Municipio nel 1858.
 
== Dintorni ==
*A 7 km '''Erriberri''' (in castigliano Olite), borgo circondato da mura comprendente l' ''Oliteko Gatzelua'' (palazzo del re di Navarra) capolavoro dell'architettura civile del XV secolo, cinto con mura e 15 torri e alcune chiese artistiche.
* A 11 km '''Artajona''' borgo medievale cinto da mura con torri.
* A 28 km '''Monasterio de la Oliva''' costruito nel 1140-1198 primo dell'ordine cistercense in Spagna divenuto uno dei più ricchi e famosi.
 
== Feste ==
* ''Auroras'' Venticinque volte in un anno preannunciato da un suono di un campanello un gruppo canoro intona canti al mattino nelle vie della città.
* ''Mercado'' si tiene ogni venerdì in due luoghi distinti uno per la frutta e la verdura e un altro per diversi ogetti dal vestiario alle scarpe alle piante, ai fiori, ecc.
[[eu:Tafalla]]
[[fr:Tafalla]]
[[gl:Tafalla]]
[[nl:Tafalla]]
[[pl:Tafalla]]
377 561

contributi